Più risorse per la manutenzione del territorio

(foto di #dissestoitalia)

Non aspettare l’autunno per riparare i danni provocati dal maltempo, ma partire subito con gli interventi di prevenzione e manutenzione e del territorio, sbloccando le risorse disponibili. È questo l’obiettivo dell’appello che Ance, Consiglio Nazionale degli Architetti PPC, Consiglio Nazionale dei Geologi e Legambiente hanno lanciato al Governo Renzi in una petizione sul web, che in poche ore ha raccolto oltre mille adesioni, e che i presidenti Paolo Buzzetti, Leopoldo Freyrie, Gian Vito Graziano e Vittorio Cogliati Dezza hanno consegnato, a Palazzo Chigi, al sottosegretario Graziano Delrio e al capo struttura di missione contro il dissesto idrogeologico, Erasmo D’angelis.
Una mobilitazione trasversale, con nomi illustri del mondo della politica, delle istituzioni e dell’informazione, tra cui i presidenti delle Commissioni Ambiente di Senato e Camera, Giuseppe Marinello e Ermete Realacci, l’editorialista del Corriere della Sera, Sergio Rizzo, gli architetti Stefano Boeri e Mario Cucinella, la presidente della Fondazione Maxxi, Giovanna Melandri, solo per citarne alcuni. L’emergenza non conosce più stagioni, come dimostrano le intemperie e conseguenti alluvioni che negli ultimi giorni hanno nuovamente flagellato l’Italia. Il nostro è un Paese che non investe nella manutenzione del territorio. Il paradosso italiano è che spendiamo ogni anno 1 miliardo per riparare i danni ma solo poco più di 100 milioni per prevenirli.
Queste le tre proposte forti che la rete della società civile indica nella petizione per uscire dall’emergenza:

  • far partire entro l’estate un Piano unico nazionale di manutenzione e prevenzioni;
  •  liberare tutte le risorse già stanziate che Stato ed enti locali non sono riusciti a spendere a  causa  dei vincoli del Patto di stabilità e reperirne di nuove attraverso i Fondi strutturali;
  • garantire a livello nazionale un controllo sulla qualità dei progetti e degli interventi ispirati a un modello di sostenibilità ambientale ed economica, efficacia, trasparenza delle regole e delle procedure.

In sintesi: tempi brevi, risorse adeguate e regole trasparenti per ridare tranquillità ai cittadini ed evitare la tragica conta di danni e vittime che da anni siamo costretti a fare.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here