3TI_Lab per il Centro Civico Comunale a Villacidro

Vista aerea (foto di 3TI_Lab)
Vista aerea (foto di 3TI_Lab)

3TI_Lab, il laboratorio di architettura di 3TI Progetti, si è aggiudicata il primo premio del concorso per la “progettazione del Centro Civico Comunale e riqualificazione dell’area urbana circostante” lanciato dal Comune di Villacidro in Sardegna.

Veduta dal giardino (foto di 3TI_Lab)
Veduta dal giardino (foto di 3TI_Lab)

All’interno dello storico giardino del Palazzo Vescovile, nei limiti dell’area di progetto identificata da bando, il nuovo edificio del Centro Civico si dispone nella parte più alta dell’area, per minimizzare il consumo di suolo e mantenere quanto più possibile inalterate la morfologia e l’uso dei terrazzamenti che caratterizzano il giardino.

Prospetto Est (foto di 3TI_Lab)
Prospetto Est (foto di 3TI_Lab)

Riprendendo le indicazioni dell’Amministrazione, il progetto prevede un nuovo assetto per la viabilità carrabile, con l’introduzione di una rotonda in Piazza Rondò e la pedonalizzazione di Via Carceri, garantendo un percorso che collega l’hortus e il Centro Civico con il parco Dessì e con il centro storico.

Vista della scalinata esterna (foto di 3TI_Lab)
Vista della scalinata esterna (foto di 3TI_Lab)

Il nuovo accesso principale all’area, esclusivamente pedonale e ciclabile, viene realizzato alla fine di Via Carceri, interamente pedonalizzata, direttamente su Piazza Rondò in prossimità degli ingressi all’adiacente parco Giuseppe Dessì, potenziando così il sistema degli spazi verdi presenti in città, con la definizione di una sequenza in stretta sinergia reciproca.

La sistrmazione dell'orto storico (foto di 3TI_Lab)
La sistrmazione dell’orto storico (foto di 3TI_Lab)

Il progetto di 3TI_Lab definisce nuovi ‘micro-ambiti’ ad uso pubblico, in corrispondenza dei vuoti urbani tra i volumi edificati, in particolare all’interno del nucleo costruito oggetto di riqualificazione a sud dell’area di intervento, e all’interno della stessa area di progetto, per creare micro-piazze, ambiti che mitigano il passaggio diretto tra lo spazio pubblico ‘aperto’ della città e quello più ‘intimo’ e raccolto dell’hortus del nuovo Centro Civico. Tali ambiti, adattandosi naturalmente alla topografia, ripropongono l’idea del muoversi all’interno dei vicoli, delle piazze e degli spazi pubblici terrazzati del centro storico, configurando l’area come un micro-tessuto urbano.

Pianta livello primo (foto di 3TI_Lab)
Pianta livello primo (foto di 3TI_Lab)

Il progetto prevede il minimo impatto possibile delle opere edificate e degli interventi sulle sistemazioni esterne, per non compromettere la struttura e la morfologia del giardino storico del Palazzo Vescovile, hortus conclusus ancora oggi coltivato. A tale scopo, il parcheggio verrà realizzato completamente in interrato, garantendo allo stesso tempo un adeguato numero di posti auto a servizio dell’edificio e del centro storico.

Sezione territoriale (foto di 3TI_Lab)
Sezione territoriale (foto di 3TI_Lab)

L’architettura, immersa nel verde del nuovo giardino e in stretta relazione con esso, si presenta caratterizzata da due volumi ‘rocciosi’ collocati su un basamento terrazzato. Quest’ultimo realizza l’ingresso, sul fronte est, con il foyer e i vari ambienti ad esso connessi, ospita parte dei locali di servizio e i locali tecnici; dei due volumi, invece, il più grande contiene la sala teatrale e auditorium, mentre il più piccolo definisce i locali di servizio ed i laboratori.

Planimetria e sezione del teatro, con golfo mistico e scene mobili (foto di 3TI_Lab)
Planimetria e sezione del teatro, con golfo mistico e scene mobili (foto di 3TI_Lab)

Infine, l’area occupata dai ruderi delle Ex Carceri viene riqualificata attraverso un attento studio e intervento di conservazione, che le attribuirà una nuova funzione di ‘ingresso’ all’area del progetto su Via Carceri. La struttura sarà configurata come spazio didattico ed espositivo, direttamente connesso con il Centro Civico, i laboratori del Palazzo Vescovile e tutte le attività che vi si svolgono.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO