A Boston, il Bruce C. Bolling di Mecanoo e Sasaki Associates

Il nuovo Bruce C. Bolling con in primo piano il prospetto del Ferdinand building (foto di Mecanoo)
Il nuovo Bruce C. Bolling con in primo piano il prospetto del Ferdinand building (foto di Mecanoo)

Il Bruce C. Bolling Municipal Building di Boston è stato riqualificato e ampliato grazie al disegno dello studio olandese Mecanoo, che ha collaborato con i progettisti statunitensi di Sasaki Associates. L’edificio ospita il Dipartimento della Boston Public Schools e svolge un ruolo centrale nell’assetto urbanistico della Dudley Square, la piazza circostante.
Al secondo piano del Bruce C. Bolling si trova inoltre il Roxbury Innovation Center, insediato nell’edificio dal sindaco Martin J. Walsh. Gli studi Mecanoo e Sasaki hanno dato forma, attraverso il progetto, alla visione del Comune che aveva immaginato l’edificio come simbolo di cambiamento.

Vista delle nuove facciate in mattoni del Bruce C. Bolling Municipal Building (foto di Mecanoo)
Vista delle nuove facciate in mattoni del Bruce C. Bolling Municipal Building (foto di Mecanoo)

Liberamente accessibile a tutti, il nuovo Bruce C. Bolling Municipal Building celebra la storia del quartiere di Roxbury e inaugura un nuovo periodo storico per il suo assetto urbano. La sfida del progetto è stata definire il carattere e l’identità di un contemporaneo edificio per uffici, seppur realizzato, almeno in parte, in una struttura storica. Il principio che informa le scelte architettoniche è stato, quindi, quello di promuovere collaborazione e trasparenza, pur con una disposizione spaziale interna flessibile.

L'accesso dalla stazione degli autobus (foto di Mecanoo)
L’accesso dalla stazione degli autobus (foto di Mecanoo)

Il progetto unisce, quindi, ricomponendoli, gli angoli degli edifici esistenti: questi sono connessi insieme e realizzano un nuovo edificio luminoso.
In una sequenza di vecchio e nuovo, attraverso una serie interconnessa di spazi, l’architettura dichiara la sua fiducia verso il futuro facendo, contemporaneamente, riferimento al passato ricco e vivace del quartiere.

Vista dell'interno al piano terra con la "Nuova Dudley Square" (foto di Mecanoo)
Vista dell’interno al piano terra con la “Nuova Dudley Square” (foto di Mecanoo)

La facciata storica in calcare e terracotta del Ferdinand building è stata conservata e mantenuta come punto di vista principale; le facciate del Curtis building, nello stile Queen Anne composto di mattoni rossi, e il prospetto del Waterman building, costruito in granito nello stile di Boston, sono state, invece, ampiamente ripristinate.

Vista dell'edificio in direzione di downtown Boston (foto di Mecanoo)
Vista dell’edificio in direzione di downtown Boston (foto di Mecanoo)

Il nuovo complesso mantiene la scala dimensionale degli edifici inerenti alla Dudley Square, ma il volume centrale destinato ad ospitare gli uffici comunali svetta realizzando, un’estetica moderna, in particolare nella finitura delle proprie facciate.
Un’interpretazione della composizione classica è definita nei nuovi affacci che comprendono una serie di diverse tecniche d’esecuzione delle murature. Compresi nella nuova facciata continua in mattoni, vi sono, anche, elementi in rilievo che gettano ombre intrecciate in un dinamico il ritmo ‘jazz’. A causa delle superfici vetrificate dei mattoncini, il prospetto riflette, inoltre, la luce in diversi modi, a seconda delle condizioni atmosferiche.

La terrazza sopra il Ferdinand building (foto di Mecanoo)
La terrazza sopra il Ferdinand building (foto di Mecanoo)

Per celebrare la storia del quartiere quale hub di trasporto, il vuoto dei binari storici viene utilizzato come percorso principale di circolazione ai livelli inferiori, che ora fanno parte dell’interno del complesso. Il piano terra della struttura realizza, infatti, un’area interamente pubblica, nota come la “Nuova Dudley Square”.
Gli accessi sono contrassegnati da un’interpretazione astratta della ferrovia, barre luminose che indicano i percorsi; e il secondo piano, oltre a essere sede del Roxbury Innovation Center è dotato di spazi per l’incontro tra genitori, studenti e personale docente.

Vista dalla nuova terrazza pubblica verso il centro di Boston (foto di Mecanoo)
Vista dalla nuova terrazza pubblica verso il centro di Boston (foto di Mecanoo)

La doppia altezza della School Committee Room, circondata dalla facciata del palazzo Ferdinand, può essere utilizzata anche per attività culturali e comunitarie.
Al di sopra dei primi tre piani sono realizzati gli uffici con spazi di lavoro flessibili, che variano dagli open space a piccole sale private o sale riunioni.
Il sesto piano, infine, aperto a tutti i visitatori, ospita sale riunioni pubbliche e una terrazza panoramica che offre la vista verso il centro di Boston.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO