A Monaco di Baviera, ‘The Kitz’ di Boesel Benkert Hohberg Architekten

The Kitz centro d'nfanzia e prima accoglienza (foto di Henning Koepke)
The Kitz centro d’nfanzia e prima accoglienza (foto di Henning Koepke)

The Kitz è l’edificio progettato nella città di Monaco di Baviera dallo studio Boesel Benkert Hohberg Architekten come ‘Early Excellence Center’ centro d’nfanzia e prima accoglienza per i bambini, i genitori e le loro famiglie.

Vista dell'edificio a sud di München-Riem, Monaco di Baviera (foto di Henning Koepke)
Vista dell’edificio a sud di München-Riem, Monaco di Baviera (foto di Henning Koepke)

A sud della città fieristica di Monaco, München-Riem, al confine di una nuova area costruita, il ‘Kinder Tages Zenrum’ è realizzato per 120 bambini, di età compresa tra 1 e 12 anni: il piano terra, collegato al giardino, accoglie gli spazi per i bimbi più piccoli; mentre il primo piano, circondato dalle chiome degli alberi è dedicato agli ambiti per i bambini dai 6 ai 12anni.

Particolare del prospetto dell'edificio, aperto sul contesto (foto di Henning Koepke)
Particolare del prospetto dell’edificio, aperto sul contesto (foto di Henning Koepke)

“La forma segue l’energia e la luce” spiegano i progettisti. La semplice planimetria è organizzata, infatti, per comporre spazi funzionali ai bambini e aprirli verso il giardino a sud.

Vista degli interni illuminati dai lucernari (foto di Henning Koepke)
Vista degli interni illuminati dai lucernari (foto di Henning Koepke)

Il corridoio centrale prende luce attraverso lucernari posti in copertura, che permettono anche il ricambio d’aria e sono affiancati da pannelli fotovoltaici per la produzione d’energia rinnovabile utile all’istituzione.

Gli arredi scatolari in legno rimandano al paesaggio del giardino esterno (foto di Henning Koepke)
Gli arredi scatolari in legno rimandano al paesaggio del giardino esterno (foto di Henning Koepke)

“Il rispetto del Genius loci” prevede la connessione del progetto al sito, la scelta di materiali specificamente relativi al paesaggio circostante: muri intonacati, al livello del giardino, organizzano il piano terra e proseguono al livello superiore, negli interni dell’edificio, con elementi scatolari in legno.

Questi rimandano al paesaggio di alberi ed al mondo all’aria aperta del giardino, in cui i bambini amano trascorrere il tempo. Per questo, in un area fortemente edificata, anche i prospetti dell’edificio rafforzano il carattere semplice e naturale dell’immediato intorno, con lamelle in legno che definiscono un aspetto più dinamico e vibrante per l’architettura, lasciando fluire luce, aria e la vista verso l’esterno.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here