Alchimia di Jackson Pollock in mostra al Peggy Guggenheim

Vista dei monitor Nec per la mostra "Alchimia di Jackson Pollock" (foto di Nec)
Vista dei monitor Nec per la mostra “Alchimia di Jackson Pollock” (foto di Nec)

Dopo oltre un anno di assenza per essere stato oggetto di un importante progetto di studio e conservazione presso l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, “Alchimia” torna alla Collezione Peggy Guggenheim, a cui appartiene, perno centrale della mostra scientifica Alchimia di Jackson Pollock. Viaggio all’interno della materia“.
La mostra, aperta al pubblico fino al 6 aprile, svelerà allo spettatore l’esplosione dei colori ritrovati dopo il lungo intervento di pulitura, in una sorprendente riscoperta della celeberrima opera, che verrà eccezionalmente esposta senza teca protettiva in modo da offrire l’esatta lettura della sua complessa superficie tridimensionale.
Il visitatore sarà guidato in un viaggio all’interno del dipinto, attraverso un coinvolgente allestimento multimediale nel quale la tecnologia Nec gioca un ruolo fondamentale. Video; riproduzioni in 3d; monitor touch-screen e strumenti interattivi renderanno fruibile, in modo dettagliato, l’opera, rivelando la personalità di un artista che ha combinato materiali e metodi di applicazione tradizionali con tecniche totalmente anti-convenzionali.
Nec partecipa a questo importante progetto in qualità di sponsor tecnico, mettendo a disposizione 7 monitor Multitouch Serie V-TM Optical e della sua nuova Serie P 70” e 55” di grande formato. I monitor Serie V sono dotati dell’innovativa tecnologia Multitouch Optical e prevedono tutte le caratteristiche che sono ormai simbolo della qualità Nec e che includono, oltre ad elevate performance e luminosità, fino a 6 punti touch simultanei per applicazioni multi-touch. A differenza di altri sistemi , i monitor Multitouch Serie V-TM Optical incorporano la tecnologia touch optical imaging, che si traduce in vantaggi fondamentali per l’utente: installazioni Plug & Play facili e veloci, assenza di deriva della calibrazione nel tempo, ed elevata qualità dell’immagine, poiché la tecnologia touch optical imaging non utilizza un foil layer sul top dello schermo, eliminando così ogni interferenza dall’esterno con la qualità dell’immagine. I display possono essere azionati a mani nude, guanti o stilo ed anche in caso di graffi, la funzione touch rimane inalterata.
Infine, la parete videowall è composta da monitor X554UN da 55” con cornice ultra sottile, che si traduce in una migliore qualità dell’immagine, meno frammentata e con una visione di insieme ancora più impattante. Il pannello ad elevata definizione e la retro-illuminazione a Led concorrono ad aumentare la performance del display, che è ulteriormente potenziata dal chip Frame Comp, un circuito hardware integrato, che elimina qualsiasi ritardo nella riproduzione di immagini in rapido movimento. Questa caratteristica aiuta a superare quel leggero disallineamento tra i frame dei diversi display che compongono la parete, sincronizzando perfettamente i contenuti e dando come risultato una straordinaria immagine d’insieme.

[contact-form-7 404 "Not Found"]
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here