Alta tecnologia per l’apprendimento firmata Snøhetta

Foto di Mark Herboth

Il 3 aprile 2013, la North Carolina State University ha inaugurato la James B. Hunt Jr. Library, il più recente progetto di Snøhetta per il Nord America. Il progetto è nato dalla collaborazione di Snøhetta con Ncsu Libraries, con l’obiettivo di dare vita ad un modello per gli spazi dedicati all’apprendimento tecnologicamente sofisticati.

Foto di Mark Herboth

Il nuovo edificio verrà utilizzato sia come seconda biblioteca principale dello stato del North Carolina, sia come cuore intellettuale e sociale del progetto per il Centennial Campus. La Hunt Library ospiterà inoltre l’Institute for Emerging Issues, un serbatoio del pensiero politico guidato dall’ex governatore del North Carolina James Hunt, alcuni uffici accademici e un auditorium. È stato progettato per essere un vantaggio competitivo decisivo per l’università attraverso la democratizzazione dell’accesso alle tecnologie che guidano l’economia contemporanea.

Foto di Mark Herboth

Il progetto di Snøhetta bilancia le esigenze preesistenti con le nuove esigenze di Ateneo per creare un ambiente di apprendimento lungimirante. Ponendosi come una struttura moderna nel contesto tradizionale del campus Ncsu, la Hunt Library diventa una piattaforma positiva per influenzare l’ambiente circostante. Sia le innovazioni tecniche che programmatiche sono celebrate come parte dell’esperienza di apprendimento, fornendo agli studenti un ambiente versatile e stimolante.

Foto di Mark Herboth

Grandi open space collegano tutti i piani della biblioteca e le scale a vista enfatizzano l’idea di un ambiente interattivo e sociale, oltre a spazi dedicati allo studio. Una vasta gamma di aule studio e di laboratori tecnologici rompe il modello tradizionale degli spazi di apprendimento: spazi con arredi colorati e dinamici coesistono con aule studio più tradizionali.

Foto di Mark Herboth

Il progetto di certificazione Leed Silverin corso prevede spazi inondati di luce naturale, ampie viste del vicino lago e spazi di sosta esterni.. La facciata dell’edificio di vetro sinterizzato ed il sistema di ombreggiatura esterno fisso in alluminio contribuiscono a ridurre il guadagno di calore massimizzando la vista e l’illuminazione naturale. Gli interni sono realizzati con materiali robusti e le originali scale in legno colorato della biblitoeca aiutano gli utenti ad orientarsi all’interno dell’edificio.

Foto di Mark Herboth

Gli ambienti vengono riscaldati e raffrescati medianti pannelli radianti a soffitto.

La progettazione architettonica è stata integrata a quella del paesaggio, creando una transizione fluida tra l’area oggetto di masterplan a nord della biblioteca e l’ambiente naturale del lago Raleigh a sud: il masterplan include  spazi per lo studio all’aperto, giardini pluviali e tetti verdi.

Foto di Mark Herboth

L’integrazione delle nuove tecnologie è ben visibile: “bookBoot”, un sistema robotizzato di recupero dei libri attraverso i cinque piani della biblioteca è in grado di tenere due milioni di volumi in un nono dello spazio rispetto alle scaffalature tradizionali. Il sistema è supportato da Virtual Browser, un software user-friendly che esalta il piacere di sfogliare un tradizionale raccolta bibliografica, consentendo agli utenti di vedere uno scaffale virtuale di materiali classificati a seconda della loro ricerca iniziale.

Foto di Mark Herboth

Oltre al bookBot, altre caratteristiche costruttive innovative offrono a docenti e studenti la possibilità di fare esperienza di grandi strumenti di visualizzazione. Il Game Lab supporta l’ NC State’s Digital Games Research Center, attraverso strumenti sperimentali per esplorare la progettazione collaborativa del gioco e il ruolo del gioco nella formazione. La biblioteca del Teaching and Visualization Lab, il Creativity Studio, un laboratorio di stampa 3D e ampie strutture di produzione dei media digitali permettono a docenti e studenti  di sviluppare capacità di prototipazione rapida, modellazione e visualizzazione.

Un sistema integrato di tecnologie per videoconferenze e telepresenza consentono la collaborazione con i colleghi di tutto lo stato e in tutto il mondo.

di Carlotta Marelli

Foto di Mark Herboth
Foto di Mark Herboth
Foto di Mark Herboth
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here