Anteprima del museo del Cinema

Un disegno del progetto di Renzo Piano e Zoltan Pali per il Museo del Cinema di Los Angeles

L’Academy Museum of Motion Pictures, Arts and Sciences ha annunciato di aver raggiunto l’obiettivo iniziale di 100 milioni di dollari nella campagna da 250 milioni di capitale per finanziare la costruzione dell’Academy Museum of Motion Pictures.

Contestualmente, l’Accademia ha presentato la sua visione per il primo grande museo degli Stati Uniti dedicato esclusivamente alla storia e allo sviluppo continuo di immagini in movimento: l’Academy Museum of Motion Pictures, progettato da Renzo Piano in collaborazione con l’architetto californiano Zoltan Pali, che sarà costruito nel campus del Los Angele County Museum of Art entro il 2016.

Il progetto prevede il restauro dell’ex edificio May Company all’angolo tra Wilshire Boulevard e Fairfax Avenue, costruito nel 1938 in stile moderno e destinato ad ospitare un grande magazzino, in realtà mai utilizzato fino ai gravi danni subiti in conseguenza al terremoto del 1987.

Un disegno del progetto di Renzo Piano e Zoltan Pali per il Museo del Cinema di Los Angeles

Accanto al palazzo Piano ha immaginato una grande struttura sferica in vetro che ospiterà il museo con gli oggetti dell’Accademia, nota soprattutto in quanto assegnataria dei premi Oscar.
«Il progetto per il museo consentirà finalmente di animare questo edificio meraviglioso, che dopo molti anni potrà finalmente contribuire alla vita della città -ha detto Piano- Il nostro progetto manterrà il profilo storico del palazzo May Company, segnalando allo stesso tempo che l’edificio sta prendendo di nuovo vita, celebrando l’industria e l’arte che questa città ha creato e donato al mondo».

Attraverso coinvolgenti mostre e gallerie, sale di controllo speciali, e un centro di formazione interattiva con laboratori dimostrativi, il museo accoglierà vaste collezioni dell’Accademia e degli archivi, che comprendono più di 140.000 film, 10 milioni di fotografie, 42.000 manifesti originali dei film, 10.000 disegni di produzione , costumi, oggetti di scena e attrezzature, nonché racconti personali del dietro le quinte di artisti e membri dell’Accademia.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here