Appello del Cnappc per il Decreto Fare

Leopoldo Freyrie

Il Consiglio Nazionale degli Architetti, nel giorno in cui l’Aula della Camera dei Deputati inizia la discussione per la conversione in legge del cosiddetto Decreto Fare chiede che siano approvati, così come emendati nelle Commissioni permanenti, gli articoli 2, 18 e 30.

L’articolo 2 prevede l’estensione della possibilità di accesso al Fondo centrale di garanzia da parte dei professionisti, tentando di porre rimedio alla storica esclusione dei professionisti dagli interventi di sostegno all’economia reale e di facilitazione al credito.

L’articolo 18 prevede invece un fondo per la messa in sicurezza delle scuole rispetto ai terremoti o ai disastri naturali ed il programma “6.000 campanili”, che cerca di riattivare le piccole opere.

Infine, l’articolo 30 è costituito dalla norma che prevede la possibilità di modificare la sagome negli edifici esistenti allo scopo di stabilire un buon equilibrio tra la garanzia della qualità dell’edificato storico e la necessità di rendere energeticamente passivo la gran parte del patrimonio edilizio italiano.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO