Arte, cibo e solidarietà

Globo e la sua interpretazione dello chef Chiolini Ahmglob al ristorante Riccioli d’oro (foto di Gianfranco Maggio)

Che relazione c’è tra arte e cibo? Questo interrogativo occupa una posizione significativa nella ricerca che sta portando avanti l’associazione culturale Arte da mangiare mangiare Arte che,  in collaborazione con Epam (Associazione provinciale milanese dei pubblici esercizi), ha dato il via all’iniziativa “Piatto Solidale d’Artista”, che si protrarrà a Milano fino al 24 luglio.  “Piatto Solidale d’Artista”  è un format ideato e sviluppato da topylabrys, nome d’arte di Ornella Piluso, proprio con lo scopo di individuare la relazione tra l’arte e cibo. D’altra parte il confronto e  la ricerca hanno sempre costituito  stimolo di indagine artistica per  topylabrys,  votata alla sperimentazione e allo studio dei percorsi artistici e alle loro interconnessioni.

Moving softly di Donatella Baruzzi e il risotto con la raspadura di Roberto Fontana _Casa Fontana 23 risotti  (foto di Gianfranco Maggio)

Piatto solidale d’Artista, indagando il sapore dell’arte attraverso un laboratorio arte-cibo-sapore, coinvolge due protagonisti, l’Artista, depositario di propri originali codici creativi, e lo Chef, impegnato in cucina a tradurli in termini di sapori. Per questo, gli ospiti dei ristoranti aderenti all’iniziativa avranno la possibilità di percepire il “sapore” dell’opera d’arte esposta, gustando il piatto appositamente creato dallo chef. Giunto alla sua 14esima edizione,  “Piatto Solidale d’Artista”, che vede tra i partners, la Società Umanitaria,   è anche un’iniziativa caratterizzata dall’impegno solidale: per ogni piatto solidale d’artista consumato presso i ristoranti aderenti, infatti, un euro sarà devoluto in favore di una realtà che, nel territorio milanese, opera nel sociale.

DepurArt Lab Gallery III Raccolto. Silvia Capiluppi (foto di Gianfranco Maggio)

“Piatto Solidale d’Artista” è una delle tante iniziative inserite nell’edizione 2014 di “Orto d’Artista: dalla Semina al Raccolto”. Tra queste,  il Raccolto dell’Orto della Bellezza italiana, DepurArt Lab Gallery, InjeriAMO e Raccolte d’Arte.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO