Castrignano e la casa milanese di un collezionista d’arte

La sala da pranzo connessa all’area relax (foto di Matteo Cirenei)

Il minimalismo contraddistingue il progetto di Andrea Castrignano per la casa di un collezionista d’arte nel centro di Milano. Risultato dell’unione di due appartamenti contigui, l’ambiente ristrutturato dell’abitazione si compone di grandi spazi luminosi e accoglienti zone living. La grande casa ospita e valorizza le opere della collezione, rendendo protagonisti, al centro degli spazi, gli arredi di design. Gli ambienti di disimpegno sono ridotti al minimo e gli spazi essenziali accompagnano la vista in direzione della terrazza panoramica.

Vista del soggiorno (foto di Matteo Cirenei)

La zona giorno prevede tre ambienti distinti, uno spazio conversazione, quello relax e la sala da pranzo, perfettamente illuminati dalle numerose finestre e dalla scelta del total white anche per i pavimenti in parquet, posato a listoni.

La zona notte con la Eames Lounge Chair (foto di Matteo Cirenei)

Tra gli arredi compaiono i nomi più importanti della storia del design: le sedie Tulip di Eero Saarinen, la lecorbuseriana chaise longue lc4, realizzata da Cassina, la Eames Lounge Chair di Charles e Ray Eames per Vitra.

I mosaici neri dei servizi e del bagno turco (foto di Matteo Cirenei)

Questi sono solo alcuni dei pezzi che definiscono l’abitazione, nel contrasto materico con il bianco dell’architettura su cui si stagliano i legni ed i pellami scuri, l’acciaio ed il mosaico nero dell’elegante bagno turco.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here