Pedrali

Cino Zucchi e i “fili d’erba” di Pedrali

Tema: un magazzino. Obiettivo: una macchina funzionale. Svolgimento: una scatola che sia allo stesso tempo quinta visiva e meccanismo perfetto. La parete che protegge il nuovo magazzino automatico Pedrali a Mornico al Serio disegnata da CZA non vuole essere la rappresentazione del suo contenuto interno, il perfetto e razionale percorso dei carrelli robot tra la struttura degli scaffali, ma un diaframma che risponde alle diverse condizioni del contesto. “Fili d’erba” è un complesso edilizio di grande qualità ambientale, inserito all’interno di un paesaggio nel quale le matrici agricole sono ancora fortemente presenti.

Pedrali headquarter Mornico al Serio (BG)
Pedrali headquarter Mornico al Serio (BG)

La risoluzione architettonica del nuovo magazzino vuole quindi rispondere al tema astratto della “caratterizzazione” di una macchina industriale con una risposta specifica, fortemente relazionata al proprio contesto, all’orientamento solare e all’insediamento produttivo al quale appartiene. Per raggiungere i molteplici obiettivi del progetto, le quattro pareti d’ambito del nuovo magazzino sono rivestite in pannelli coibentati lisci finiti in color alluminio naturale, sopra i quali, una serie di elementi semplici realizzati con profilati di alluminio estrusi generano un pattern visivo formato da una combinazione di linee verticali e oblique, quasi dei giganteschi “fili d’erba” che ritmano e danno musica alla superficie cieca e inarticolata delle facciate, in particolare la grande superficie a sud.

Continua a leggere su: www.area-arch.it

LASCIA UN COMMENTO