Città, “macchine” per vivere

01_Archivideo_Paris La Défense_FranceGli effetti dell’applicazione delle moderne tecniche di modellazione digitale allo sviluppo delle città, in termini di miglioramento dell’efficienza, della sicurezza e dei servizi pubblici
Entro il 2020, il 70 per cento della popolazione mondiale vivrà in aree urbane. Le città attuali si espanderanno e ne verranno costruite di nuove. In Cina, la quota di cittadini è aumentata dal 13 nel 1950 a oltre il 40 per cento attuale, con ulteriori previsioni di crescita fino al 60 per cento nei prossimi 15 anni.
In Italia, nel periodo 2005-2012, la popolazione residente nelle aree urbane e intermedie è aumenta di 3,4 milioni, tenendo conto del fatto che il nostro Paese è caratterizzato da una prevalenza di situazioni “intermedie” fra urbano e rurale. Nel Regno Unito, invece, i “cittadini” saranno oltre il 92 per cento della popolazione nel 2020, in un Paese che partiva già da una quota del 7 per cento nel 1950. Nel 2009, per la prima volta, anche l’Africa ha sfondato la soglia del 40 per cento di popolazione che vive in aree urbane. Il record nel continente spetta al Botswana, cresciuto dal 2,7, nel 1950, al 61 per cento di oggi. In tutto il mondo, ogni giorno circa 125mila persone si trasferiscono in città.02_Lille_virtual urban planning_Dassault SysteÌ€mes
Le città devono quindi prepararsi per il futuro e Dassault Systèmes, la multinazionale francese leader nelle tecnologie di progettazione, simulazione e realtà virtuale in 3D, sta collaborando con molte municipalità che si affidano alla tecnologia più avanzata per creare e sviluppare modelli digitali in 3D delle loro città. Questi modelli fungono da riferimento principale per amministrazioni locali, urbanisti, architetti e cittadini. I modelli 3D aiutano a studiare e pianificare il futuro delle città, dal riscaldamento, alla mobilità, alla sicurezza, partendo da scenari ipotetici simulati con tecnologie digitali di realtà virtuale e tridimensionale.
Simulando le città e i servizi che esse offrono, è possibile studiare e valutare un agglomerato urbano come un’unica entità integrata, piuttosto che una semplice somma di quartieri, zone, attività e servizi separati fra loro. Questo nuovo approccio supera la visione “a compartimenti stagni” e consente a tutte le figure coinvolte nella gestione di una città di avere maggiori informazioni, di operare con più efficienza e di visualizzare diversi futuri possibili in modo più preciso e affidabile.03_Paris La Bastille_Virtual Urban planning_Dassault SysteÌ€mes
Progettare per il futuro
In un contesto nel quale si intrecciano complesse valutazioni di politica, finanza e sicurezza, gli amministratori delle città sono sempre più “disallineati” per quanto riguarda le informazioni in possesso di ciascuno. L’accesso alle informazioni attraverso un modello digitale 3D integrato della città risolve questo problema, mantenendo tutti i soggetti interessati “sincronizzati” fra loro attraverso un’unica fonte di dati e informazioni per tutti gli aspetti della città.
Finora sono state impiegate moltissime tecnologie per gestire i vari comparti dell’amministrazione cittadina, ma questo ha spesso portato a situazioni di grande complessità e difficile gestione. Il problema principale sono gli archivi di dati separati, i famigerati “silos”, che inevitabilmente si creano quando un’organizzazione implementa diversi sistemi informativi. Sistemi fra loro diversi e separati non possono accedere l’uno ai dati dell’altro, cosicché la sicurezza o altre attività di progettazione e pianificazione si basano su informazioni obsolete, incomplete e disarticolate, assolutamente fuorvianti sia per gli amministratori sia per i cittadini. Si prendono così decisioni sbagliate che possono compromettere la sicurezza e l’efficienza di una città.
Con la testa nelle nuvole
Se gli aeroplani fossero costruiti e gestiti con le stesse modalità attualmente previste per le città, non riuscirebbero a volare. Finalmente le città stanno adottando tecnologie dell’industria aerospaziale e di altri settori estremamente efficienti, come la Formula 1, allo scopo di migliorare i servizi, consentire un accesso universale alle informazioni e anticipare con un buon grado di precisione e affidabilità prestazioni e sviluppi futuri. 04_Archivideo_Paris_Les InvalidesPartendo da un foglio bianco, le nuove città possono essere progettate e gestite con gli stessi software avanzati che guidano l’innovazione nel mondo dell’industria e del commercio grazie alla simulazione. Le città esistenti possono invece adottare queste tecnologie per nuovi progetti. Ad esempio, Dassault Systèmes sta collaborando con il governo italiano per aiutare il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) a ottimizzare i servizi informativi interni ed esterni. Utilizzando la tecnologia 3DEXPERIENCE come piattaforma infrastrutturale, nel tempo è possibile aggiungere nuovi progetti, con dati e informazioni di qualsiasi tipo, per costruire una grande raffigurazione tridimensionale che sia comprensibile e utilizzabile da tutti.
Sicurezza nella conoscenza
Con la visualizzazione in 3D, l’enorme massa di dati generati da una città può diventare più utile ed efficace ai fini della sicurezza. Gestire i dati e metterli al servizio delle esigenze della città è possibile se si costruiscono attorno al modello digitale della città diversi livelli di informazioni accessibili a tutti coloro che devono prendere decisioni ragionate e basate su dati concreti.
Un progetto realizzato con un ente aeroportuale in Francia sfrutta il modello digitale 3D dell’aeroporto e dei suoi servizi di trasporto, pubblica utilità e logistica. La sicurezza ha un ruolo centrale nel progetto. Il modello realizzato dall’ente comprende telecamere a circuito chiuso, dati GPS e altre fonti che possono essere integrate per avere un quadro completo della situazione. In questo modo i responsabili possono studiare scenari ipotetici e individuare possibili lacune nei servizi o falle nella sicurezza. Con un modello che incorpora impianti degli edifici, movimenti degli aerei, traffico pedonale e altro ancora, i progettisti possono visualizzare l’intero sistema e lavorare nell’ottica di migliorare la sicurezza e l’efficienza complessiva.05_3DEXPERIENCity London Westminster Abbey_Dassault SysteÌ€mes
Applicando lo stesso metodo a un’intera città, si può utilizzare la Piattaforma 3DEXPERIENCE di Dassault Systèmes per unificare i silos informativi e armonizzare i vari dipartimenti dell’amministrazione cittadina. Integrando tutte le informazioni di una città si possono realizzare notevoli efficienze, perché tutte le persone coinvolte hanno visibilità sul lavoro degli altri e possono organizzare le rispettive attività sulla base di informazioni ed esigenze aggiornate. Il software contribuisce a questa gestione con il monitoraggio dei flussi di lavoro. Unificando e coordinando tutti i sistemi attorno a un unico modello digitale, si favorisce la generazione di nuove idee da pratiche collaborative e il perseguimento della nuova visione rappresentata dal modello. Gli addetti possono capire appieno l’effetto delle loro decisioni e, grazie all’accesso ai vari livelli di informazioni, possono comunicarle a tutti.
Utilizzando un’unica piattaforma per pianificare la sicurezza, oltre che per gestire l’accesso dei responsabili, del pubblico e di tutte le figure interessate, tutto viene perfettamente sincronizzato. Molte città usano la simulazione digitale in 3D per generare e ottimizzare scenari di sicurezza. Diverse tipologie di eventi, da una bomba radiologica in centro città a mappe “dal vivo” di zone potenzialmente vulnerabili, possono incorporare dati esistenti in qualsiasi formato.
La storia come lezione per il futuro
Le città più lungimiranti concentrano il loro lavoro, inclusi i modelli digitali 3D di edifici e servizi, su una piattaforma unificata e costruiscono un modello della città, con tutti i sistemi di sicurezza e servizi, sempre più dettagliato, aggiungendo progressivamente nuovi progetti. Con il contributo di un numero crescente di utenti, si svilupperà così un modello storico simile a una “macchina del tempo”. Tutte le situazioni storiche saranno visibili e consultabili, mentre l’avanzamento del lavoro attuale potrà essere registrato e tracciato con grande cura.06_3DEXPERIENCity London_Dassault SysteÌ€mes
La sicurezza è un requisito fondamentale per uno sviluppo economico sostenibile, ma senza una visione precisa e flussi di lavoro unificati che registrano azioni e decisioni, la sicurezza può essere compromessa dai “dati invisibili”, cioè le informazioni chiuse nei silos. Integrando nel modello tutti i dati disponibili si realizza un accesso universale alle informazioni storiche.
Grazie a questa visibilità si possono evitare gli errori del passato e registrare i percorsi che hanno condotto a decisioni efficaci, grazie alla piattaforma unificata che offre alle persone una migliore comprensione della situazione attuale e di quella dei loro predecessori. Inoltre, il sistema offre una vista in anteprima di come sarà la città in futuro. Aggiungendo al modello dettagli di progetti futuri, le decisioni relative alla sicurezza e ad altri aspetti possono essere analizzate con più cura e gestite con maggiore efficacia.
Questo tipo di sistema viene utilizzato da grandi aziende costruttrici di aerei, gestori di centrali energetiche, società farmaceutiche, aziende di alimentari e prodotti di largo consumo per garantire la conformità alle norme. Inoltre, consente di registrare accuratamente tutte le attività e i processi, oltre a conservare la proprietà intellettuale in modo che, quando le persone lasciano l’azienda, le loro conoscenze non vadano perse ma restino a disposizione nei livelli informativi che compongono il modello 3D.07_14049665557_00f8d138e3_o
I responsabili della sicurezza, invece di reagire alle situazioni nel momento in cui si verificano, possono analizzare numerosi scenari ipotetici per individuare la soluzione più vantaggiosa. In questo modo si utilizzano al meglio le risorse e i fondi disponibili, a beneficio sia del pubblico sia delle autorità, senza ripercussioni politiche.
Problema risolto
Utilizzando esperienze 3D condivise per simulare le città, si possono individuare problemi potenziali che potrebbero passare inosservati con altri mezzi. La sovrapposizione di diversi livelli di dati e informazioni crea nuove viste e, grazie alla tecnologia di Dassault Systèmes, consente di prevedere gli eventi. Si possono modellare reti di trasporto, poli logistici, servizi pubblici, forniture di energia, sicurezza, posizione e gestione di qualsiasi infrastruttura cittadina. Collegando il sistema direttamente a un software di gestione finenziaria si possono pianificare i costi e prevedere i budget di spesa. Con questi strumenti, eventuali problemi e le loro conseguenze possono essere individuati e risolti prima che si verifichino.08_14256435773_0639b3cf96_o
Raccogliere conoscenza in un unico modello digitale in 3D che cresce nel tempo, incorporando tutti gli aspetti della città e della sua sicurezza, aiuta a visualizzare la complessità, rendendola così più comprensibile. La disponibilità e accessibilità dei dati storici consente di analizzare ciò che è successo in passato riducendo il lavoro di ricerca e reportistica. Si risparmia così molto tempo e si assicura un avanzamento più rapido dei progetti, poiché tutte le figure coinvolte sono informate e consapevoli delle conseguenze delle loro decisioni. Potendo vedere contemporaneamente il quadro d’assieme e i singoli dettagli, diventa anche più facile individuare possibili casi di corruzione.
Le città vivono e prosperano sulla creatività. Per diventare luoghi interessanti e piacevoli in cui vivere e lavorare, le città devono accogliere la propensione dell’essere umano alla creatività spontanea. Applicando ordine e metodo dove necessario e incoraggiando la creatività all’interno di un’infrastruttura sicura ed efficiente, si contribuisce a evitare il caos e si favoriscono progetti e pratiche che regalano un’anima alla città.

di Frederic Dot, Global Industry Development Director di Dassault Systèmes

[contact-form][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’E-mail’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Sito web’ type=’url’/][contact-field label=’Commento’ type=’textarea’ required=’1’/][/contact-form]

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO