City-lab, Oma

Oma, École Centrale

Oma ha vinto il concorso per la nuova École Centrale di ingegneria e l’area di sviluppo urbano circostante, nella zona di ricerca e innovazione di Saclay, a sud ovest di Parigi. Con il concept di “città laboratorio”, OMA è stato selezionato tra quattro concorrenti internazionali. Il progetto è coordinato da Clément Blanchet, direttore Oma per la Francia.

Oma, École Centrale

In contrasto con la linearità classica dei laboratori, fatti di corridoi e stanze, il disegno di Oma è un grande blocco, basso, col tetto in vetro ed una disposizione spaziale a griglia aperta, ove le diverse attività possono interagire tra loro. La griglia offre la libertà di creare una nuova tipologia per l’apprendimento, coltivando la collaborazione pur mantenendo le primarie condizioni di stabilità della scuola di ingegneria.

Oma, École Centrale

Blanchet ha commentato: «La progettazione urbanistica si integra con la scuola, soppiantando l’esperienza omogenea del campus. È un tentativo di definire l’estetica attuale della scienza».

Una strada principale attraversa diagonalmente la rete, collegandola con la futura stazione della metropolitana diretta a Parigi da un lato, e con Supelec, la scuola di ingegneria esistente, dall’altro. Al centro del progetto, un forum sale al di sopra della griglia, diventando punto focale delle attività per la scuola. Questa piattaforma ospita una plaestra, il centro amministrativo e aule per gli studenti del primo anno, snodandosi attraverso e sopra il campo. Questa spazio è concepito come una macchina di formazione che offre una condizione di piccoli spazi intricati all’interno del campo orizzontale di “laboratorio città”.

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con Bollinger e Grohman, Alto, Dhv, Dal, e D’Ici Là.

Oma, École Centrale, maquette

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here