Cobe e il nuovo Meet & Eat

Visualizzazione del nuovo Meet & Eat (foto di Cobe)
Visualizzazione del nuovo Meet & Eat (foto di Cobe)

Gli architetti danesi dello studio Cobe hanno ha vinto il concorso internazionale per la definizione della sede rappresentativa dell’adidas, situata presso la sede del Gruppo, il World of Sports, nel sud della città tedesca Herzogenaurach.

Veduta aerea dell'edificio per la sede del Gruppo adidas (foto di Cobe)
Veduta aerea dell’edificio per la sede del Gruppo adidas (foto di Cobe)

La struttura, che dovrebbe essere completata alla fine del 2018, è intitolata ‘Meet & Eat’ e comprende un centro conferenze pubblico, con ristorante e showroom per i dipendenti.

L'interno multifunzionale, caratterizzato da patii vetrati (foto di Cobe)
L’interno multifunzionale, caratterizzato da patii vetrati (foto di Cobe)

Cobe ha vinto il concorso in collaborazione con lo studio tedesco Cobe Berlino, Knippers Helbig e Transsolar; e insieme ad adidas ora avvierà la realizzazione del progetto, per il cui completamento, lo studio sta, inoltre, lavorando con gli architetti tedeschi CL Map.

[metaslider id=41294]

Il team ha ideato una sede distintiva per il Gruppo adidas: un luogo di riferimento che è dotato di ambiti flessibili, funzionali e facili da usare; uno spazio che mette in evidenza “performance, passione, integrità e diversità”, cioè la filosofia del Gruppo. Dan Stubbergaard, fondatore e direttore creativo di Cobe, ha spiegato: «Il marchio adidas è sempre stato conosciuto per la tecnica e la funzionalità; abbiamo, quindi, progettato un edificio per riflettere e incarnare questi valori.

Planimetria urbana: il nuovo edificio come luogo emergente della città (foto di Cobe)
Planimetria urbana: il nuovo edificio come luogo emergente della città (foto di Cobe)

L’adidas Meet & Eat ospiterà molte funzioni, allo stesso tempo interne ma pubbliche, e quindi abbiamo dato forma ad uno spazio soprattutto flessibile e multifunzionale.

Planivolumetrico (foto di Cobe)
Planivolumetrico (foto di Cobe)

Un design che permette alla costruzione di cambiare nella disposizione interna per adattarsi ai contesti sociali differenti che l’edificio ospiterà».

Pianta del piano terra (foto di Cobe)
Pianta del piano terra (foto di Cobe)

L’11mila metri quadrati dell’architettura sono configurati in una planimetria romboidale, simbolica, e con una forte relazione verso l’ambito dell’inerente campus adidas.

Pianta del piano primo (foto di Cobe)
Pianta del piano primo (foto di Cobe)

L’edificio è aperto su tutti i lati con vetrate alte da pavimento a soffitto; mentre piccoli giardini d’inverno sono definiti negli interni come nuove “stanze” in cui dipendenti ei visitatori possono gustare il pranzo o dove incontrarsi per riunioni alternative.

Prospetto e sezione (foto di Cobe)
Prospetto e sezione (foto di Cobe)

«L’adidas Meet & Eat si fonde con il terreno esistente nel paesaggio, creando un edificio aperto, verde e accogliente che riunisce tutti i membri della famiglia adidas – sia dipendenti, che famosi sportivi e visitatori – e anche le molteplici funzioni connesse sotto un unica copertura. Questa è definita da una struttura rappresentativa, simile a un tappeto che copre l’edificio, capace di collegare tutte le funzioni determinando di un edificio inondato di luce – conclude Dan Stubbergaard».

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here