Consegnato a Piuarch il Premio “Architetto italiano 2013”

. La cerimonia di premiazione presso il Maxxi di Roma (foto di Piuarch)

Presso il Maxxi di Roma, durante la celebrazione della Festa dell’Architetto, è stato assegnato allo studio Piuarch   il Premio “Architetto Italiano 2013”. Il riconoscimento, conferito dal Consiglio Nazionale degli Architetti è stato istituito per il novantesimo anniversario della fondazione dell’Ordine e intende valorizzare, con un evento che avrà cadenza annuale, l’architettura e la qualità del progetto, nella loro più elevata dimensione civile e culturale.

L’dificio Onda Bianca, in piazza Gae Aulenti a Milano (foto di Piuarch)

“Piuarch – ha spiegato la commissione presieduta da Cino Zucchi– è uno studio che opera in Italia e all’estero su diversi temi e a diverse scale, da quella del disegno urbano a quella degli interni, ed è l’esempio felice di come si possa perseguire una grande qualità architettonica e urbana a partire dalla complessità delle forze che oggi agiscono sulla trasformazione dell’ambiente”. La struttura collettiva dello studio – si legge nelle motivazioni della giuria – è alla base di una grande capacità di dialogo con realtà diverse per cultura, aspettative, risorse economiche e tecniche. Edifici come il Centro Congressi a Riva del Garda, l’headquarter del gruppo Bentini a Faenza, Le Quattro Corti a San Pietroburgo, le residenze sovvenzionate a Sesto San Giovanni, gli Uffici Porta Nuova a Milano dimostrano come si possano perseguire nuove forme di urbanità, nuovi ambienti di vita e lavoro, all’interno di condizioni professionali in profondo e continuo mutamento”.

Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini e Monica Tricario, fondatori dello studio Piuarch (foto di Piuarch)

Il team Piuarch è composto dai fondatori Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini e Monica Tricario, che nel 1996 danno vita allo studio, uniti dalla volontà di fondere esperienze diverse in un progetto comune di architettura.

Lo studio Piuarch, compresi associati e collaboratori (foto di Piuarch)

Diciassette anni dopo, ai 4 soci si sono aggiunti 11 associati, in un team totale di 35 persone provenienti da percorsi professionali eterogenei, proprio per garantire una ricchezza espressiva e un approccio al progetto non convenzionale. Lo studio, un open space ricavato in uno spazio industriale che ospitava un tempo una tipografia, si trova a Brera, nel centro di Milano. Qui Piuarch progetta e realizza piani urbanistici, edifici pubblici, complessi per uffici, residenze, spazi commerciali e boutiques.

L’edificio Onda Bianca, illuminato durante la notte (foto di Piuarch)

Nel corso degli anni Piuarch si è aggiudicata il 1° premio in diverse occasioni: il concorso Ansaldo città delle Culture (1999) insieme a David Chipperfield, quello per il Nuovo Teatro e Centro Congressi di Riva del Garda (2007), il concorso che ha dato avvio alla realizzazione dell’Onda Bianca, affacciata su piazza Gae Aulenti nella zona di Porta Nuova a Milano (2006), e l’ampliamento del Collegio di Milano (2007). All’estero lo Studio è attivo in particolare in Russia, dove ha da poco aperto un proprio ufficio operativo, e in Ucraina, con progetti realizzati e in progress a San Pietroburgo, Mosca, Sochi e Kiev.

 

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO