Crusca di riso per facciate e pavimenti

Un’applicazione di Resysta in Vietnam (foto di Simona)

Sulla base di approfondite ricerche nell’ambito della sostenibilità ambientale e per combattere il fenomeno di deforestazione, che investe in particolare aree come la foresta pluviale brasiliana, la società Resysta International  ha sviluppato Resysta: un materiale, estruso in profili, composto di crusca di riso e di uno speciale termoplastico, che risulta del tutto simile al legno, sia al tatto che alla vista.
Estremamente resistente, con capacità di tollerare alti valori di carico, Resysta è particolarmente adatto per gli arredi da esterni, le pavimentazioni e gli elementi di facciate che, infatti, sono già stati realizzati con successo attraverso l’impiego di questo materiale rinnovabile.

Una pavimentazione realizzata con Resysta (foto di Resysta)

Per l’ulteriore lavorazione del materiale, l’azienda Resysta si è affidata a Simona: partner qualificato per la realizzazione di lastre estruse in grandi dimensioni. Il progetto è stato avviato con un’attenta analisi delle proprietà e della lavorabilità del materiale, presso i laboratori Simona. Grazie ai risultati ottenuti, sono state eseguite le prime prove di estrusione: “questa fase, tecnicamente delicata, è stata seguita dai tecnici e ottimizzata passo a passo nel corso di diversi mesi. La messa a punto del processo e delle macchine ha costituito una sfida quotidiana per tutti i tecnici” ha affermato Enrico Colombo, Sales & Marketing Director di Simona Italia.

Simona Simowood, elementi composti da Resysta, materiale bioplastico (foto di Simona)

La lavorazione del nuovo materiale ha richiesto, infatti, il settaggio di differenti parametri nelle attrezzature, a causa delle specifiche caratteristiche di viscosità. “Siamo riusciti, in tempi relativamente brevi, a portare sul mercato le lastre Simona Simowood a base di Resysta” ha concluso Colombo.
Le lastre possono essere tagliate, forate, fresate e sabbiate esattamente come il legno; la loro superficie può essere verniciata e laccata in tutti i modi e colori possibili con pennelli, rulli e spray. Inoltre, tali lastre possono essere stampate o coperte con adesivi e il materiale Resysta offre grandi possibilità di lavorazione: processi termici di saldatura, termoformatura o imbutitura, ad esempio per gli interni delle autovetture.
Resistente ai raggi uv, riciclabile al 100% e non igroscopico, diversamente da molte tipologie di legno, Simona Simowood non assorbe acqua, offrendo anche il vantaggio di un effetto antiscivolo nel caso in cui le superfici fossero bagnate.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO