C+S architects e la scuola di Chiarano

[metaslider id=33553]
Una riconsiderazione innovativa degli edifici scolastici e del loro ruolo all’interno del contesto urbano e della comunità, ha come risultato un diverso e nuovo modo d’inventare il presente e di piantare sementi per un futuro migliore. In questa prospettiva, gli edifici scolastici possono essere considerati grandi e importantissimi luoghi politici, di cui avere cura.
Nella stessa prospettiva i progettisti dello studio C+S architects hanno progettato la scuola primaria di Chiarano (Tv). Divisa in due sezioni, con 10 aule per 250 studenti, la scuola è un edificio caratterizzato da una fondamentale permeabilità che permette al territorio e alla luce di fluire all’interno degli spazi.

Il prospetto a sud, vetrato, e aperto sulla campagna (foto di Alessandra Bello)
Il prospetto a sud, vetrato, e aperto sulla campagna (foto di Alessandra Bello)

Una facciata vetrata, di fronte al lato sud-ovest, apre la vista sulla campagna circostante, inoltre, i muri che separano le aule dai corridoi sono opachi solo per il primo 120 centimetri da terra, lasciando poi il posto a vetrate situate sulle parti superiori. Questa condizione aumenta la possibilità di intravedere lo spazio esterno ma pure la visione di tutti gli interni.
Nessun corridoio è stato disegnato per disporre gli ambiti della scuola: l’accesso a tutte le aule avviene dalla principale sala d’ingresso situata al piano terra ed anche attraverso un balcone sospeso al primo piano. Questa soluzione massimizza ulteriormente la visibilità tra gli spazi nei diversi livelli.
La doppia altezza progettata per l’ingresso principale e il disegno di una vetrata “lanterna di luce” che racchiude lo spazio superiore della biblioteca, permettono la perfetta visibilità degli interni, illuminati in modo diffuso e caratterizzati da un’atmosfera cristallina.

Il giardino e la balconata in legno visibili dall'accesso al piano terra  (foto di Alessandra Bello)
Il giardino e la balconata in legno visibili dall’accesso al piano terra (foto di Alessandra Bello)

La lanterna sospesa ospita un piccolo giardino botanico per le sperimentazioni all’aperto mentre al di sotto di questo spazio, negli interno, la biblioteca compone il cuore del progetto, divenendo un nodo urbano importante anche per la comunità, poiché viene mantenuta aperto dopo le ore di attività scolastica.
La comunità di Chiarano è stata, inoltre, coinvolta nel progetto attraverso uno speciale gioco teatrale, in cui gli architetti, assieme a un insegnante di teatro e un musicista, hanno lavorano con i bambini delle elementari per dare forma alla scuola futura, introducendo le idee per la costruzione attraverso un’esperienza divertente e condivisa.

 

Scheda
Head Designer
C+S architects, Carlo Cappai, Maria Alessandra Segantini
Design Team
Alessandro Mimiola, Giulia Riso, Guido Stella, Mauro Tonello
Acoustic Consultants
F&M Ingegneria
Mep
F&M Ingegneria
Cost Control and Monitoring
F&M Ingegneria
Safety
F&M Ingegneria
Sustainability
F&M Ingegneria
Structural engineering
F&M Ingegneria

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO