Economia della costruzione sostenibile

Le sfide economiche in atto in molte parti del mondo industrializzato stanno guidando un cambiamento paradigmatico: i governi, le imprese e gli individui stanno diventando consapevoli che lo sviluppo sostenibile, sebbene imponga dei costi, offre anche un notevole potenziale economico.

È questo il tema che verrà affrontato durante “Economy of Soustainable Construction”, il Quarto Forum Internazionale Holcim per la Costruzione Sostenibile, che si terrà a Mumbai, India, dall’11 al 13 aprile 2013.

L’Holcim Forum è ospitato dall’Indian Institute of Technology (Iit Bombay), e sarà presieduto dall’architetto Mohsen Mostafavi, Preside della Graduate School of Design, Harvard University, Usa, insieme al co-presidente, l’ingegnere Battula K. Chakravarthy, Iit Bombay.

Tra le attività previste, una serie di lectures tenute da David Chipperfield (David Chipperfield Architects),  Alejandro Aravena (Elemental), Lucas Bretschger (economista) e Brinda Somaya (Somaya and Kalappa Consultants) e quattro diversi workshop.

I protagonisti delle lectures

Il primo, “Local Resources”, affronterà il tema delle risorse locali e dello sfruttamento delle competenze regionali, analizzando il regionalismo di diversi temi della sostenibilità, con l’obiettivo di determinare strategie localizzate per superare le barriere alla progettazione e alla costruzione sostenibile; durante “Compact City” verranno analizzati e valutati in maniera critica gli aspetti economici, sociali ed ecologici di della tipologia urbanistica della città compatta.

Retained Diversity” si concentra sull’analisi delle diversità utili e il mantenimento dei punti di forza durante il rinnovamento degli habitat informali, esaminando le diverse condizioni economiche, giuridiche e culturali che interessano questi insediamenti; infine, l’ultimo workshop, “Overall Values”, si concentrerà sul tema del valore complessivo della costruzione sostenibile di edifici e infrastrutture, con particolare attenzione al piano economico, ecologico e sociale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here