Energetic City 2050

Team Innergy, Energetic City. Immagine Team Innergy

Team Innergy, composto da Frank Marcus, Pieter Wackers, Gerben Pennings, Gertjan Rohaan, Chris Van Der Zwet, ha recentemente vinto il primo premio nella Energetic City 2050, il concorso per il futuro sostenibile della città di Arnheim, Paesi Bassi.La giuria ha ritenuto che la visione di Innergy fosse «piena di speranza, con una forte fiducia nell’umanità e nella tecnologia: concentrandosi sui singoli individui, per la città il futuro saranno le persone stesse” e che “l’aumento degli alloggi e la costruzione di piazze accenderanno la città rendendola un luogo fluido pieno di creatività
Nel 2050 ci sarà un abbondanza di energia rinnovabile. Di conseguenza il mondo sarà cambiato. L’energia è molto più di benzina ed elettricità: l’energia delle persone e della società, la sensazione di avere energia propria, è almeno altrettanto importante. Questo è il punto di partenza per Innergy: l’energia interna delle persone.

Team Innergy, Energetic City. Immagine Team Innergy

Oggi, nel 2012, siamo fortemente attaccati al luogo in cui siamo e dove abbiamo possedimenti: le nostre esperienze sono sempre associatea un determinato momento e luogo. Nel 2050, secondo Innergy, le esperienze non saranno più limitate nel tempo e nello spazio grazie ad una sorta di “hyperskype” che permetterà ad ogni luogo di offrire le stesse possibilità, finché le città esploderanno e bruceranno come supernove. Da quel momento le città non saranno più fatte di edifici, ma di persone, diventando fluide.Le stampanti 3D permetteranno di stampare tutto, comprese le case, non sarà quindi più necessario possedere le cose, mentre acquisterà importanza saper utilizzare la materia e la conoscenza. Materia e conoscenza sono fattori condivisibili, accessibili a tutti, un open source. Il valore sarà quindi dato dalla materia, dalle relazioni e dall’energia. Per questo Innergy ha progettato tre modelli di sviluppo urbano per Arnhem nel 2050.Il primo modello è la Città della Materia, quartieri in equilibrio, omogenei, a bassa dinamicità: si collocano nelle aree cittadine a particolare valore storico e culturale.La Città delle Relazioni si presenta come viva e dinamica, un’area ad alta densità in cui lo sviluppo urbano si focalizza sull’interazione e l’evoluzione. La città delle relazioni si trova intorno al centro storico cittadino, in quartieri sorti del tardo diciannovesimo secolo, quando la borghesia decise di lasciare il centro, occupato da classi sociali più basse.

Team Innergy, Energetic City. Immagine Team Innergy

La città dell’Energia, infine, è molto dinamica, sia socialmente che fisicamente: vige la libertà di sviluppo urbano e di architettura, con materiali da costruzione a disposizione di chiunque. Quest’area si trova nei quartieri ricchi di edifici antiquati e in disuso, utilizzati come fonte di materiali da costruzione
L’ordine sarà assicurato da tre sistemi di giustizia: in primo luogo, un panel di imprenditori, professionisti dell’istruzione e funzionari pubblici locali, in secondo luogo, una rappresentazione di persone provenienti da Arnhem (età variabile da 6 a 60 anni) e, infine, un gruppo di professionisti formato da Winy Maas (Mvrdv) , Thomas Rau (Rau) e Paul de Ruiter (Architectenbureau Paul de Ruiter).

Team Innergy, Energetic City. Immagine Team Innergy
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here