Fondo Regionale d’Arte Contemporanea

La testata a torre del nuovo complesso museale (la Pixellerie + Kuma Ass. Europe)

Si tratta del progetto di un museo vivente di oltre 7mila mq, praticamente privo di muri, dove le opere sono in una permanente mobilità che si inscrive nella logica dell’interazione con il pubblico. L’edificio diviene un segnale visibile dell’arte contemporanea e si compone di un corpo principale lungo la via, destinato agli spazi espositivi e agli uffici, e di una torre per l’auditorium, l’atelier pedagogico e una «terrazza urbana» panoramica aperta sul boulevard.  Le due chiare identità volumetriche sono connesse da passerelle pedonali e vengono unificate nell’aspetto da un involucro vitreo composto da pannelli a inclinazione e opacità variabile. L’architettura dà così vita a uno spazio creativo, interagendo con la città alle diverse scale ambientali e divenendo parte integrante del progetto di riqualificazione Euroméditerrannée.

di Tino Grisi e Arianna Callocchia

La fiancata degli spazi espositivi (Kuma Ass. Europe)
Design: 
Kengo Kuma & Associates
Architetti locali:
Toury et Vallet
Ingegneria:
Cebat ingénierie, Etb Antonelli

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here