Freyrie al Forum Europan: Rigenerazione urbana è investimento del futuro

Riuso è il piano nazionale per la rigenerazione urbana sostenibile  (foto di Cnappc)
Riuso è il piano nazionale per la rigenerazione urbana sostenibile (foto di Cnappc)

«Servono senza indugio politiche urbane nuove, politiche espressamente rivolte al miglioramento delle nostre città: questo deve essere l’investimento del futuro, perché – è bene mai dimenticarlo – nelle città si produce l’80 per cento del Pil. La politica economica del nostro Paese – invece – è stata, ed è, centrata sulla realizzazione di infrastrutture. Ora le priorità sono altre. Da oggi, e per i prossimi decenni, gli edifici, oltre ad essere belli – e questo rimane sempre per noi architetti un imperativo – devono essere progettati e costruiti secondo norme antisismiche, non devono consumare troppa energia, devono essere integrati all’interno di uno spazio pubblico, devono rispondere alla logica del low cost».

Leopoldo Freyrie, presidente Cnappc
Leopoldo Freyrie, presidente Cnappc

Così Leopoldo Freyrie, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori intervenendo a Pavia nel corso del Forum Europan, il programma europeo di concorsi rivolto a giovani architetti e progettisti di tutto il mondo, e organizzato da una Federazione composta da una ventina di Paesi europei.  «Riuso, il Piano per la rigenerazione urbana sostenibile lanciato dagli architetti italiani, insieme ai costruttori e agli ambientalisti – ha continuato Freyrie – è in grado di attivare energie e risorse economiche private che, messe a sistema, possono di avviare una stagione di riqualificazione profonda delle città italiane, indispensabile per lo sviluppo, l’innovazione ed in grado di fornire la risposta giusta alle necessità di risparmio del suolo. Ed allora – ha proseguito – è questo il momento di cogliere l’opportunità offerta dal Piano di rigenerazione delle scuole italiane per sperimentare un modo diverso di affrontare la rigenerazione o la costruzione di edifici pubblici, facendoli diventare l’esempio di come si possano riqualificare le città, perseguendo con trasparenza la sicurezza e la bellezza dell’habitat».
Per Freyrie esiste un ulteriore opportunità da cogliere: quella relativa ai concorsi d’architettura, che devono diventare lo strumento per scegliere i progetti in modo da sperimentare selezioni sul merito e non sui fatturati o in base al numero di dipendenti e, anche nel nostro Paese, promuovere finalmente la qualità architettonica.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO