Gesto e disegno

1. L’accesso principale a Emporia (foto di Tord-Rikard Söderström)

Emporia è prima di tutto un progetto urbanistico in fieri, dove uffici, alloggi e spazi commerciali si fondono nella zona sud di Malmö.

2. Vista ravvicinata del fantasmagorico ingresso (foto di Tord-Rikard Söderström)

L’idea principale del progetto (vincitore di un concorso) è stata quella di celare i negozi dietro una corona di edifici fortemente caratterizzati e in grado di attrarre visitatori dalla vicina piazza della Stazione.

3. Dettaglio della volta vitrea (foto di Tord-Rikard Söderström)

Così una una volta rovescia in vetro bronzeo racchiude il taglio diagonale che dà accesso e attraversa  in profondità il blocco commerciale, fino a sfociare in una simile fantasmagorica forma in trasparenza blu.

4. Uno degli spazi distributivi interni (foto di Tord-Rikard Söderström)

L’antro capta il movimento del passante e sembra quasi sciogliere la mole dell’edificio in un cuneo atmosferico dove il vetro funziona da liquida cattura illimitata dei passaggi di luce.

5. Il forte impatto coloristico dello shopping mall (foto di Tord-Rikard Söderström)

I negozi sono raggruppati intorno ad atri squillantemente colorati, basati ognuno su un diverso un tema e sfociano in un parco pensile in copertura, progettato come un paesaggio coltivato, futura struttura per il benessere e parco divertimenti, con colline in terra che forniscono protezione dal vento, nascondendo, in realtà, la parte impiantistica.

6. La seconda volta in vetro blu (foto di Tord-Rikard Söderström)

Anche il contiguo blocco dei parcheggi di distingue per il succedersi di livelli arcobaleno.

7. Il volume arcobaleno del parcheggio annesso (foto di Tord-Rikard Söderström)

L’interno di Emporia sfida i convenzionali allestimenti dei centri commerciali, oltre che nel massiccio impiego del colore, con la personalizzazione dei dettagli costruttivi e delle finiture.

8. La copertura disseminata di “colline” (foto di Tord-Rikard Söderström)

In questo processo che punta all’esposizione efficace della merce, si può dire “non esiste una scala intermedia”: motivi di grandi dimensioni e dettagli minimi caratterizzano la definizione dello spazio, in una combinazione progressiva di effetti materici e luministici.

9. Pianta del centro commerciale

La gestualità dell’involucro plasma il vetro come una massa unica, dove si perde la distinzione in lastre sagomate; il disegno dei singoli dettagli vivifica l’ambiente con componenti inusuali che ancora trovano nel colore la capacità di legarsi e leggersi contemporaneamente.

di Tino Grisi

Scheda
Emporia, Malmö, Svezia, 2012
Committente
Steen & Ström Sverige
Progetto
Wingårdhs: Gert Wingårdh, Johan Eklind e Joakim Lyth
Interni
Wingårdhs: Helena Toresson
Ingegneria
Cowi (Christian Evertsson, Roberto Caprile)
 
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here