Giochi di Cubi

Foto Guido Erbring

Di Carlotta Marelli

La nuova mensa scolastica della scuola secondaria Salmtal, in Germania, è stata progettata da Spreier Trenner Architekten come un edificio multifunzionale che offra la massima flessibilità possibile: lo spazio può essere utilizzato non solo come mensa dai bambini, ma anche per eventi speciali come concerti, spettacoli teatrali o anche fiere natalizie: lo spazio è infatti a pianta libera, suddiviso unicamente da una parete mobile.

Foto Guido Erbring

L’area adiacente posta sul retro contiene tutte le strutture di supporto, quali la cucina, il ripostiglio, i servizi igienici e gli impianti ed è stata pensata con l’idea di una possibile estensione futura.
La grande vetrata d’ingresso apre la sala principale della mensa verso l’esterno, rappresentando un gesto di accoglienza, mentre la copertura a sbalzo crea una zona di transizione tra l’interno ed il parco giochi antistante.

Foto Guido Erbring

La griglia del tetto della sala principale è composta da capriate in legno di 10 centimetri di spessore e 1 metro d’altezza. Per mantenere l’aspetto pulito della griglia di capriate tutti i condotti, le griglie di ventilazione e di illuminazione sono incassati nel soffitto: l’illuminazione integrata produce quadi di legno luminoso che trasformano le capriate strutturali in un elemento di design.
La forma quadrata è stata utilizzata anche disegnare l’involucro dell’edificio, portato alla scala umana attraverso delle perforazioni di 1,25×1,25 metri e permettendo prospettive sempre nuove ed interessanti: il paesaggio circostante visto dalle aperture appare come in un quadro appeso al muro e la trama dell’involucro diventa anche luogo di gioco per gli alunni.

Foto Guido Erbring

Tutti i materiali utilizzati sono naturali, robusti, duraturi e semplici: i componenti principali sono cemento, legno e ceramica, utilizzata per rivestire la facciata, color rosso brillante, in modo da dialogare con i mattoni rossi della scuola esistente dando al tempo stesso identità all’edificio.

Foto Guido Erbring

Le pareti in calcestruzzo presentano una superficie ruvida ottenuta da un normale cassero OSB, che crea una texture calda. Anche il pavimento mostra la superficie ruvida del massetto in calcestruzzo, simile al materiale utilizzato nei parcheggi, ricoperto con uno strato protettivo di resina trasparente.
L’area comprende due “aule esterne” costituite da cubi di cemento sfalsati, che consentono agli studenti di sedersi, correre e saltare.

Foto Guido Erbring
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here