Gioco d’imbotti

Foto di Tommaso Cassinis

Il Palazzo Provinciale del Lavoro dell’Aquila, firmato da Alberto Apostoli, si colloca in un condominio degli anni Sessanta, parzialmente danneggiato dal sisma, completamente ristrutturato, intervenendo sulle strutture danneggiate ma anche sulle funzioni e sull’architettura, creando inoltre un parcheggio interrato e ripensando lo spazio esterno di pertinenza.

Foto di Tommaso Cassinis

Si tratta del primo intervento di riqualificazione di un comparto composto da quattro edifici, attualmente in fase di progettazione.

Foto di Tommaso Cassinis

L’isolamento dell’edificio sui quattro lati fa si che non esista un prospetto principale, ma che venga percepito come una piccola torre, le cui facciate si caratterizzano per la presenza di piccole sporgenze geometriche, dipinte con colori complementari, che costituiscono le botti aggettanti delle aperture.

Foto di Tommaso Cassinis

Gli imbotti, bordati esternamente in acciaio lucido, accolgono serramenti in legno di rovere e contribuiscono all’illuminazione notturna di facciata, ospitando il cappotto esterno.

Foto di Tommaso Cassinis

«Ho cercato di creare un movimento volumetrico attraverso il colore, piccole sporgenze e contrasti di volume; quello che mi interessava era smaterializzare le facciate conferendogli personalità e carattere. Abbiamo studiato un sistema con cui creare tali sporgenze e, soprattutto, la palette colori esterni» dice l’architetto Apostoli.

Foto di Tommaso Cassinis

 

Scheda progetto:
Progettista: Alberto Apostoli
Imprese esecutrici delle opere: Emerald 75, Valentini Iniziative
Apparecchi d’illuminazioni: iGuzzini, Goccia Illuminazione, Prisma Performance In Lighting
Pavimento sopra elevato: Crespi
Serramenti esterni: Falegnameria Di Giulio
Serramenti interni: Messere Porte
Tinteggiature: Caparol
Cappotto: Caparol
Impianti climatizzazione: Lg Electronics Italia
Ascensore: G.m.v.
Rubinetteria: Bugnatese
Sanitari: Ceramica Olympia
Pavimenti interni: Ceramiche Sant’agostino

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here