Gioco percettivo

Foto di Fausto Mazza

Il nuovo punto vendita del brand di orologeria Gagà Milano progettato da Federico Delrossoè un gioco di percezioni: a partire da esigenze funzionali quali l’ampliamento percettivo dello spazio e la creazione di un contenitore espositivo pulito, l’architetto a disegnato uno spazio-contenitore del tempo delimitato da alte pareti in ferro, leggermente inclinate sia orizzontalmente che verticalmente che alterano significativamente il senso spaziale, soprattutto nel collegamento visivo tra il piano strada ed il soppalco.

Foto di Fausto Mazza


Le vetrine a nastro appaiono dall’esterno come volumi neutri scavati nelle pareti, illuminate da un nastro di luce a Led.

Foto di Fausto Mazza

All’interno i pavimenti, rivestiti in pietra nera lucida, sono circondati da pareti in ferro grezzo cerato, utilizzato anche per la pavimentazione del soppalco, mentre il soffitto e gli arredi a tutt’altezza in legno laccato, sono completamente bianchi.

Foto di Fausto Mazza

L’illuminazione a soffitto è realizzata con lampade Nulla, prodotte da Davide Groppi, così come Mima, punti luminosi inseriti nelle pareti verticali.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here