Gioiaotto, architettura moderna milanese reinterpretata da Park Associati

Vista generale (immagine di Park Associati)

Il progetto di riqualificazione di Gioiaotto proposto da Park Associati, vincitore del concorso indetto da Hines Italia,  si caratterizza per l’esaltazione degli aspetti materici e strutturali dell’edificio di Zanuso e Crescini, del quale vengono evidenziati gli apparati prefabbricati e la matrice orizzontale, che comporta uno stretto rapporto con la strada ed un forte contrasto con la spiccata verticalità dei nuovi interventi.

I marcapiano in cemento prefabbricato vengono così messi a nudo, a segnare il ritmo delle fasce vetrate continue, unico elemento chiaroscurale dell’intera composizione.

Inserimento nel contesto di Porta Nuova (immagine di Park Associati)

Gli spazi interni sono invece stati pensati alla luce di un’analisi filologica del complesso architettonico, affiancata ad un nuovo percorso progettuale che ha consentito di ottenere ambienti flessibili e luminosi.

Scorcio dalla strada (immagine di Park Associati)

Tale coniugazione si esprime nella hall di ingresso nel misurato contrasto tra spazi e tra materiali, con superfici rivide affiancate ad altre riflettenti e la piena continuità tra pavimento e soffitto, protesi verso l’esterno a disegnare una pensilina che ripara e segnala l’ingresso.

Hall d’ingresso (immasgine di Park Associati)

I piani superiori sono caratterizzati da un grande serramento, tripartito in altezza, che segue il passo della maglia strutturale.

Vista degli spazi interni (immagine di Park Associati)

«Il progetto è stato scelto per la sua capacità di coniugare i temi della sostenibilità, con la pre-certificazione internazionale Leed Gold (Leader in Energy and Environmental Design), e del riuso conservativo ma attento alle esigenze di razionalizzazione degli spazi interni e della facciata esterna; di enfatizzare le linee dell’edificio alleggerendo gli infissi diversificando i due differenti usi dell’edificio (uffici e hotel); di dialogare con il complesso sistema degli spazi pubblici di tutta l’area di Porta Nuova dando enfasi all’attacco a terra del volume; di realizzare un progetto sofisticato ed elegante, che parla sottovoce senza urlare, misurato sulle reali esigenze del committente, sulla base di un giusto impegno economico” spiega Manfredi Catella, Amministratore Delegato di Hines Italia.

Vista degli spazi interni (immagine di Park Associati)
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here