Grassi Pietre per la Cantina Zymè a San Pietro in Cariano (Vr)

Progettata dall’architetto Moreno Zurlo, la nuova Cantina Zymè si trova a San Pietro in Cariano, in provincia di Verona, ed è nata da un nucleo preesistente, una ex cava del 1400. Il progetto ha voluto offrire una visione organica dello spazio, tramite una relazione armoniosa tra tradizione e modernità. L’architetto ha modellato lo spazio e scelto materiali dal forte carattere narrativo ed espressivo, rendendo la struttura perfettamente in equilibrio con il contesto, integrata senza sconvolgere l’ambiente circostante. Il corpo basamentale della cantina è stato rivestito con la pietra estratta in fase di scavo, in cui sono presenti esplicite bucature con inseriti in acciaio Corten; il risultato è un forte richiamo all’ambiente preesistente della cava, trasformato oggi in un luogo in cui si affina il vino e lo si fa invecchiare in barrique di legno. Giardini pensili coronano il profilo esterno dell’edificio, creando uno scenografico impatto visivo e dialogando con le colline e il territorio.

Cantina Zymè in provincia di Verona
Cantina Zymè in provincia di Verona

Per tutte le parti lapidee della nuova cantina, Grassi Pietre ha fornito il proprio materiale. In particolare, l’architetto ha scelto la pietra di Vicenza Giallo Dorato, molto simile a quella già presente in loco, utilizzata per tre scale e per le rampe interne. Inoltre, Grassi Pietre ha realizzato una struttura avveniristica all’interno della cantina veronese, creando un luogo chiamato “archivio” con pareti formate da celle pentagonali che danno vita a una scaffalatura elegante per conservare le bottiglie di vino durante l’affinamento, dopo l’invecchiamento in barrique. Ogni cella, realizzata anch’essa con Pietra Giallo Dorato, è stata assemblata negli stabilimenti dell’azienda, a Nanto (Vi), e posata successivamente a colla, con una rete in fibra di vetro.

Cantina Zymè in provincia di Verona
Cantina Zymè in provincia di Verona

Continua a leggere su www.area-arch.it

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here