Growing Tomorrow: un progetto per il rinnovamento urbano

Il concept di progetto (foto di Fung Yuen Cheung, Artur Nitribitt per Next7 Competition)

Per migliorare la qualità del vivere nei nuclei urbani sovrappopolati e contrastare lo spostamento della popolazione fuori dalle città, Fung Yuen Cheung e Artur Nitribitt hanno proposto il progetto “Growing Tomorrow“. Il concept progettuale muove dalla necessità di una migliore qualità dello spazio urbano costruito, raggiungibile attraverso la maggiore biodiversità, per poter contribuire al benessere degli abitanti e limitare i danni irreversibili all’ambiente dovuti alla diffusione dello sprawl urbano.

Visualizzazione delle fasi di crescita delle protocellule (foto di Fung Yuen Cheung, Artur Nitribitt per Next7 Competition)

La proposta consiste nel progettare abitazioni innovative situate nei vuoti urbani e composte di protocellule: questo nuovo materiale biologico è in grado di crescere, autorinnovandosi, ed è in fase di sviluppo grazie alla ricerca degli studiosi Rachel Armstrong e Martin Hanczyc.

Gli studi urbani per la proposta “Growing Tomorrow” (foto di Fung Yuen Cheung, Artur Nitribitt per Next7 Competition)

Gli autori spiegano, infatti, che per realizzare case e città realmente sostenibili è necessario connetterle con l’ambiente naturale attraverso il metabolismo o la fotosintesi, invece di isolarle da esso. La protocellula è un modello semplice di cellula vivente che può essere pre-programmato per crescere in tutte le forme e dimensioni.

Diagramma dell’interazione tra materiale naturale, strutture realizzate con protocellule e persone (foto di Fung Yuen Cheung, Artur Nitribitt per Next7 Competition)

I progettisti esplorano l’idea di “crescere” le protocellule per la costruzione di strutture nelle zone più densamente popolate di tutto il mondo, realizzando semplici azioni locali, che hanno però un riscontro globale verso un ambiente più sostenibile nelle città e l’integrazione del tessuto urbano inerte con la materia vivente.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO