Herman Hertzberger

Le riviste

Servizi

Ricerca

Cerca powered by Google

Login

Untitled Document
Herman Hertzberger   < Sommario

Herman van Bergeijk

1959-66 - Students' house, Weesperstraat 7-57, Amsterdam
1960-66 - Delftse Montessori School, kindergarten/primary school, Delft
1968-72 - Office building 'Centraal Beheer' (with Lucas & Niemeijer), Prins Willem, Apeldoorn
1964-74 - Residential building for elderly and disabled people 'De Drie Hoven', Amsterdam
1973-78 - 'Vredenburg' Music Centre, Utrecht
1978-82 - Urban renewal 'Haarlemmer Houttuinen', Nieuwe Houttuinen, Amsterdam
1979-82 - Residential building
'Kassel-Dönche', Heinrich Schützallee, Kassel (West Germany)
1980-83 - 'Apollo Schools', Amsterdam
1980-84 - Residential building for the elderly 'De Overloop', Almere
1982-86 - Residential building 'LiMa', West-Berlin (Germany)
1984-86 - 'De Evenaar', Amsterdam
1986-89 - Residential buildings 'Het Gein', Amersfoort
1989-90 - Office building 'Ministry of Social Welfare and Employment', The Hague
1990-92 - 'Polygoon', kindergarten/primary school, Almere
1986-93 - Theatre centre Spui, The Hague
1991-93 - Library and 'De Nieuwe Veste' - Centre for Art and Music, Breda
1993-94 - 'Anne Frankschool', Papendrecht
1993-95 - 'De Bombardon', kindergarten/ primary LOM-school, Almere
1992-95 - Chassé Theater, Breda
1993-96 - Residential area, Vrijheer van Eslaan, Papendrecht
1993-96 - Theater Markant, Uden
1995-97 - 'De Koperwiek', kindergarten/primary school, Venlo
1993-97 - Residential buildings Stralauer Halbinsel Block 7 + 8, Berlin, Germany
1991-98 - YKK Dormitory/ Guesthouse, Kurobe-City Japan
1989-99 - 'Kijck over den Dijck' residential area, Dordrecht
1995-99 - Residential buildings Prooyenspark, Middelburg
1996-99 - House Schirmeister on Borneo Isle, Amsterdam
1993-00 - Montessori College Oost, school for secondary education with approx, Amsterdam
1996-00 - Residential project Paradijsselpark, Capelle aan den Ijssel
1998-00 - Kindergarten/primary school 'De Vogels', Oegstgeest
1999-00 - Extension to Willemsparkschool, Amsterdam
1998-00 - Residential project Poelgeest, Oegstgeest
1998-01- Residential buildings 'Urban growth units', Veersche Poort, Middelburg
1997-02 - Housing project (new-build, renovation), Noordendijk, Dordrecht
1998-02 - Residential buildings 'Growing Houses', Almere
1996-02 - 'De Eilanden' Montessori primary school, Amsterdam
1998-02 - Residential building Watersniphof - Veersche Poort, Middelburg
2002- Design of exhibition Fresh Facts at Dutch Pavillion at Venice for the 8th International Architecture Biennale
1998-02 - Office building 'il Fiore' Avenue Céramique/R. Nafzgerstraat/Heugemerweg, Maastricht
2003 - museum and extension to public library, Apeldoorn
2000-03 - Renovation and extension Chassé Theatre and Holland Casino, Breda

Herman Hertzberger

Herman Hertzberger was born in Amsterdam in 1932. After the studies at theTechnical University of Delft (graduated in 1958), he opens his own office in 1958. From 1959 to 1953, with Aldo van Eyck, Bakema and others, he works as editor for "Forum", a Dutch magazine focusing in architecture. His activity includes projects, especially about the themes of housing and education, but also studies on urban planning and about all building types, from the theatre to the building office, from the school to the shopping centre, from the residential complex to the media park. Among them, we remember: objectives report on Groningen city centre (with De Boer, Lambooij, Goudappel et al.), 1971-72; city centre plan, Eindhoven (with Van den Broek & Bakema), 1974; planning consultant for University and Proposal for university library incorporating 19th-century church, Groningen, 1975; proposal to develop Forum district, The Hague, 1980; experimental housing project for Zuidpolder (floating 'water-houses'), Haarlem, 1986; urban study (residental area) for Jeker quarter, Maastricht, 1989; study for a design of an academy (art, music, architecture etc), Rotterdam, 1993; urban study for a shopping centre, Monheim (D), 1997; 14 experimental watervilla's, Ypenburg, 1999; complex of buildings (sports/leisure, day-care centre, petrol station, pub, church, apartments for senior citizens, parking), Leidscheveen, 2001. His works, project and studies have been exposed in many exhibitions all over the world. In Italy he has taken part to Venice Biennale in 1976, in Milan Triennale in 1986 in an event titled "Il Luogo del Lavoro. Central Beheer. Bicocca Pirelli" and in L'aquila Tetraktis, with a travellling exhibition of several projects and travel sketches; in France he has been at Biennale des Jeunes, in 1967, and at Fondation Cartier in 1986 with his "Student Hause", at Centre Pompidou in 1986 for "Lieux de Travail - Central Beheer", and at the Institut Français d'Architecture in 1989 for the exhibition of the 20 competitors of the "Bibiliothèque de France" competition. In 1985 he has been in Berlin, Geneva, Bordeaux, Zürich, Vienna, Zagreb (Yugoslavia), Split (Yugoslavia), Braunschweig (Germany), Hannover, Frankfurt, Dortmund (Germany) and further on for the "Six architectures photographieés par Johan van der Keuken'" travelling exhibition of older executed projects. Out of Europe he has exhibited his works at the New York State Council of the Arts in 1988; at the Global Architecture International exhibition in Tokyo in 1989 with the Film centre Esplanade and in 1991 with the Ministry of Social Welfare, at the World Architecture Triennale of Nara (Japan) in 1992. Among the others, in 1986 various Hertzberger competition project was in Stichting Wonen, Amsterdam, Montreal (Canada), Toronto (Canada), Los Angeles (USA), Raleigh (USA), Blacksburg (USA), Philadelphia (USA), Tokyo (Japan), London (U.K.), Edinburgh (U.K.) and further, and in 1998 an exhibition of several projects, "Herman Hertzberger Articulation" , was compiled by the Netherlands Architecture Institute, Rotterdam and was leaded in Deutsches Architektur Zentrum, Berlin, Museo Nacional de Bellas Artes, Buenos Aires, Bouwbeurs, Utrecht, NAI, Munich, Townhall, Middelburg, Biennal Museum of Arts Ibera Puera, São Paulo (Brazil), Haus der Niederlände, Münster (Germany), Museum Nagele.
With his rich production Hertzberger has received many prestigious awards, some "for entire ouvre" (Fritz Shumaker Award, 1974; Richard Neutra Award for Professional Excellence, 1989; Premio Europa Architettura, Fondazione Tetraktis Award, 1991; BNA- Association of Dutch Architects Award, 1991; Premios Vitruvio '98 Trayectoria Internacional, 1998, etc ); some others for his particular attitude as architect of educational buildings (Markelbach Award, City of Amsterdam for Architecture, for the Apollo School in 1985 and for the school "The Evenar" in 1988; Prix Rhénan 1993, European architecture Award for school buildings, for the school Schoolvereniging Aerdenhout Bentveld in Ardenhout, 1993; Scholenbowprijs 2000- School Building Award 2000, for the Montessori college Oost in Amsterdam, 2000), some others for different projects, like the recent leone D'Oro for the Best Foreign Pavillion of the 8th Architecture Biennale of Venice, 2002. As teacher he has worked at the Academy of Architecture of Amsterdam 1965-69; Professor at the technical University of Delft, 1970-99; Visiting Professor at several American and Canadian Universities, 1966-81, '87, '93, '96; Visiting Professor at the University of Geneva (Switzerland) 1982-86, and Professor at the same school 1986-93; Teacher at the Berlage Institute of Amsterdam, 1999-2000; now he is Guest teacher at the Academy of Architecture of Amsterdam, since 2000. During his career he has received also several professional recognition: Honorary member of the Académie Royale de Belgique since 1975; Honorary Member of the Bund Deutscher Architekten, since 1983; Officier in de Orde van Oranje Nassau (Knight of the Order of Orange-Nassau), 1991; Honorary Fellow of the Royal Institute of British Architects, since 1991; Honorary Member of the Akademie der Künste Berlin, since 1993; Honorary member of the Accademia delle Arti del Disegno (Firenze), since 1995; Honorary Fellow of the Royal Incorporation of Architects in Scotland, since 1996; Honorary Member of the Académie d'Architecture de France, since 1997; Ridder in de Orde van de Nederlandse Leeuw (Companion of the Order of the Dutch Lion), 1999; Honorary citizen (notable de classe exceptionelle) of Ngouenjitapon (Cameroun), since 2000; Honorary doctor (doctor honoris causa) at the Université de Genève (Switzerland), since 2001; Honorary member of the Bond van Nederlandse Architekten (BNA), since 2002.

HERMAN HERTZBERGER, 'MAGISTER LUDI' DELLO SPAZIO
Herman van Bergeijk

L'opera di Herman Hertzberger ha sempre occupato una posizione unica nel ricco e variegato panorama dell'architettura moderna olandese a partire dagli anni sessanta. È stato uno dei pochi che non abbia trascurato dall'inizio la ricca tradizione del movimento moderno, ritenendo al contrario che questa tradizione potesse conoscere un'ulteriore espansione, e la sua ammirazione per maestri come Le Corbusier e Duiker è palese in molti dei suoi edifici e dei suoi scritti.
Ma mentre certe idee possono essere rimodellate, ampliate oppure prese come punto cruciale di partenza, ciò che per lui rimane essenziale è che non venga mai svalutato il compito di servizio svolto dall'architettura. Quest'ultima è un 'oggetto d'uso' il cui intento non deve essere la mera espressione dei capricci di un personalità individuale o di una radicale visione personale, ma di assicurare che anche altri abbiano sempre più la possibilità di forgiare la loro vita e conformare un edificio ai loro desideri. In questo senso l'architettura è una valida espressione del tempo.
C'è anche da dire che sebbene Hertzberger porti a compimento i suoi concetti di design fin nei più minimi dettagli, sempre in lotta con le limitazioni imposte dal budget, il suo approccio al lavoro non è per niente dogmatico o 'dittatoriale'; di fatto continua a ricercare una libertà regolata, basata su conseguimenti che non devono essere accantonati nel nome di questa stessa libertà, il che porta all'ovvia osservazione che la sua opera dimostra una notevole coerenza. Hertzberger è affezionato ai risultati da lui ottenuti durante le sue indagini architettoniche. Contrariamente a molti suoi colleghi contemporanei, Hertzberger attribuisce all'architettura un ruolo di emancipazione che possa favorire una vita più intensa per il fatto che ad utenti e fruitori vengono date maggiori possibilità di personalizzare il proprio ambiente in vari modi; si tratta di un'architettura che appartiene alla comunità e che non è vista come il castello privato del cliente che si nasconde dietro le mura. È ovvio che spesso egli anticipa e stimola sviluppi e trasformazioni sociali e che pur comprendendo che tali cambiamenti possano solo in minima parte essere affrontate con l'architettura, ciononostante risponde a tali questioni con concetti sia programmatici che funzionali. L'architetto ha il dovere di sfidare la privatizzazione del mondo e questo richiede che i risultati del costruito debbano essere testati dall'esperienza reale - in altre parole che vengano visti nella loro utilizzazione pratica - e che le scoperte che ne scaturiscono debbano essere prese in considerazione nei successivi lavori di design. 'Imparare facendo', è la frase più cara ad Hertzberger. Per molti anni Hertzberger ha prestato poca attenzione all'immagine di un edificio, tutto si basava sull'articolazione di flussi di aree che offrissero spazi agli incontri informali, e come nella migliore tradizione dell'architettura moderna la facciata era il risultato di spazi interni, di secondaria importanza; ma ciò non significa che non considerasse questo aspetto. Il suo modo di frammentare la facciata dimostra in modo sottile il suo amore per gli edifici della scuola di Amsterdam. Hertzberger è cresciuto nel quartiere di Amsterdam-Zuid, nelle cui strade, vere e proprie stanze all'aperto, predomina la presenza di un'architettura di dettaglio.
L'interesse dell'architetto per la soglia, per la zona di transizione tra il pubblico e il privato, per lo spazio intermedio, deve essere visto in questo contesto. Quale membro del comitato editoriale della rivista Forum, sulle cui pagine Jaap Bakema ed Aldo van Eyck tenevano le loro feconde discussioni, Hertzberger familiarizzò con questo genere di pensieri ispirati da riflessioni sulle culture non-occidentali, ma piuttosto che apportare una netta separazione priva di ambiguità, egli permette agli spazi di fondersi gli uni con gli altri; ed è importante che a queste zone di sovrapposizione sia data una definizione formale. È questo l'ambito del lavoro dell'architetto. Più di chiunque altro, Hertzberger dà priorità alla dialettica dello spazio, il che implicache si debba evitare la distinzione schematica tra spazio utile e inutile. Ci si appropria dell'architettura mediante l'utilizzo e non solo con la vista. Egli non fa nessun tentativo di sorprendere il committente e il fruitore con una brillante presentazione delle tecniche e degli strumenti più recenti nel tentativo di mascherare il fatto che alla fine si tratta di una questione di architettura costruita e non virtuale; non usa una fraseologia pseudo-filosofica per infondere nuova vita in una disciplina che è lentamente diventata 'più superficiale', non è un mago o un alchimista che segretamente si affida a pochi momenti di geniale intuizione; Hertzberger è solo un lavoratore coscienzioso con i piedi per terra che ricerca ed esperimenta costantemente diverse soluzioni spaziali che a volte arrivano quasi alla scomparsa dello stesso oggetto formale. L'architettura potrebbe essere vista come una realtà diagrammatica in cui la forma non è mai definitiva ma che di fatto può essere ampliata e modificata sempre più volte ma che pure, nel dettaglio della calligrafia di Hertzberger, è sempre presente e facilmente riconoscibile. Non si vuole con questo suggerire che egli nutra un'avversione per gli sviluppi contemporanei, al contrario, la sua accettazione dell'uso dei computer è totale, l'informatica fa ormai parte integrante del processo di indagine, favorendo il processo di design e la realizzazione progettuale ed apportando grandi cambiamenti nell'ambito dell'organizzazione del lavoro e dell'ufficio. Poco dopo aver terminato gli studi al Politecnico di Delft Hertzberger raggiunse una sua prima pietra miliare con la Scuola Montessori, sempre a Delft, con l'edilizia residenziale per studenti ad Amsterdam e soprattutto con l'edificio per uffici Centraal Beheer ad Apeldoorn, che giunse ad essere considerato a livello internazionale un capolavoro architettonico, quasi un'icona, l'espressione delle trasformazioni in atto nella società democratica degli anni settanta. Qui egli esercitò un piccolo, piccolissimo ribaltamento di quello che fino ad allora era stato l'atteggiamento predominante abolendo la netta stratificazione tra lavoratori e clientela nel palazzo della Centraal Beheer a favore di un modello più fluido, dai margini meno nettamente definiti.
Negli anni ottanta lo spirito di 'pace e amore' e il confronto sociale si dissolsero rapidamente e la pressione e il controllo su una società con una sfrenata coazione al consumo cominciò a declinare. Tutto sembrava possibile in un periodo che non aveva più le tinte dell'ideologia pura. Gli obiettivi erano su scala ridotta, il risultato di aneliti e lotte personali. Non era più considerato importante offrire una cornice, ma il creare immagini con una forma dinamica e attraente che riuscissero a suscitare un'impressione sul pubblico anche a distanza. Si abbracciò la funzione di maschera dell'architettura e il bisogno di rappresentazione fu dichiarato apertamente. Hertzberger era consapevole di questi cambiamenti. I nuovi contatti lo ispirarono spingendolo in una nuova direzione. Van Eyck allentò la presa sul 'suo' studente e lo studente prese le distanze dal maestro, riuscendo ad adattarsi a queste circostanze inizialmente imprevedibili e gradualmente sempre più pressanti, rimanendo al passo con i 'tempi'. Fu come una seconda giovinezza in cui, nonostante la maggiore attenzione per l'immagine esterna dell'architettura (senza però trascurare l'oggettiva forma totale - corpo e superficie), gli stessi ideali degli inizi venivano riscoperti anche in queste più apparenti immagini. Il confronto non è solo interessante ma anche istruttivo perché si verifica una completa mediazione tra il passato e il futuro all'interno della disciplina dell'architettura. Questa è la lezione che Hertzberger ha cercato di trasmettere per tutta la sua vita e che i suoi libri illustrano in modo esemplare. Dalle osservazioni di ogni secolo Hertzberger ha potuto trarre una lezione per il futuro senza l'impedimento di intenti storici o accademici. Egli vede e annota. Anche se è difficile negare la qualità didattica della sua opera, sia scritta sia quella che deriva dall'osservazione del 'costruito', rimane strano il fatto che egli non abbia avuto molti seguaci. Sebbene rispettato, il suo amore per il dettaglio nei Paesi Bassi è stato oggetto di un certo disprezzo. Hertzberger non è visto come l'uomo dei grandi gesti o delle grandiose osservazioni, ma un uomo che scrupolosamente ed attentamente colleziona il suo materiale lavorando continuamente ad un 'musée imaginaire' che informi suoi progetti senza mai rischiare di risultare incoerente con se stesso.
Un tema di interesse particolare è sempre stato quello dell'edilizia scolastica, si potrebbe anzi dire che ogni edificio di Hertzberger sia di fatto una sorta di scuola. Le scuole formano la spina dorsale della sua grande opera. Ogni qualvolta Hertzberger riesce a 'carpire' avidamente la commissione di una scuola, egli la trasforma in un'opportunità di trasformare un edificio in un ricco parco giochi per quella piccola comunità; c'è da parte sua una ricerca costante di rapporto tra le parti, non solo da un punto di vista pedagogico ma come stimolo per gli studenti ad usare e a osservare il loro ambiente più immediato di apprendimento. Questa ricerca ha portato ad una vasta gamma di esempi in cui il collegamento delle classi alle aree comuni ha prodotto inaspettati effetti spaziali.
Uno degli aspetti più sorprendenti del cambiamento nella sua opera dopo il 1990 è che l'ambiente urbano è chiaramente entrato a far parte del suo campo visivo. Forse la sua presidenza al Berlage Institute è stata la ragione per cui egli si è 'lentamente ma inesorabilmente scrollato di dosso la sua quasi ermetica visione del mondo che egli aveva alimentato per così tanto tempo. Fu anche la logica conseguenza della liberalizzazione del mercato edilizio nei Paesi Bassi. La propaganda divenne cruciale; mediante le pubblicazioni gli architetti si assicuravano la prospettiva di commissioni edilizie, l'architetto doveva coltivare la sua personalità e Hertzberger dovette adattarsi parzialmente a questa situazione.
L'edificio più famoso dell'ultimo decennio, lo Chassé Theater di Breda, instaura un dialogo con i dintorni della città cercando di riconfigurare ed integrare l'ambiente urbano a livello di immagine. I tetti ondulati sono predominanti nella fisionomia urbana. Su più vasta scala, i progetti urbani di Hertzberger o cercano di collegarsi alla struttura urbana della città oppure si presentano come isole, e quello che le circonda viene lasciato il più intatto possibile. Il suo approccio lo rende ancora altamente competitivo nel suo campo, come viene confermato dai premi vinti recentemente. Hertzberger dimostra che le variazioni su temi architettonici possono essere infinite quando si abbia bene in mente l'idea generale che deve trasparire, ma pochi sono quegli architetti il cui lavoro illustra la sua stessa coerenza. Ad alcuni questo fatto potrà sembrare negativo, ad altri positivo, ma si deve essere ciechi per non riconoscere le innegabili qualità architettoniche della sua opera.