House of Dust

Foto di Antonino Cardillo

House of Dust” è l’ultimo progetto dell’architetto siciliano Antonino Cardillo, caratterizzato da un uso estremamente materico dell’intonaco, che crea superfici marroni tridimensionali su soffitti e pareti di quest’appartamento romano.

Foto di Antonino Cardillo

Utilizzando il rapporto geometrico della sezione aurea, Antonino Cardillo ha suddiviso orizzontalmente gli spazi abitativi e l’arredo dalla pareti ed i soffitti trattati a gesso, ricercando un effetto simile a quello delle caverne primordiali, ai ninfei della villa Doria Pamphili e alle facciate liberty dei palazzi di Via Veneto.

Foto di Antonino Cardillo

Le aperture appaiono infossate all’interno di recessi profondi, che, insieme alle porte, sottolineano la linea di demarcazione tra inferiore e superiore.

Foto di Antonino Cardillo

All’interno trovano spazio anche alcune porte ad arco, riferimento ai dipinti italiani del XIV secolo, che nascondono camere e cabine armadio. Una di queste, dotata di maniglia in vetro rosa, conduce alla camera matrimoniale ed al bagno, nascosti in un angolo del soggiorno. Mancano qui le superfici materiche in gesso, sostituite da un pallido tono di rosa.

Foto di Antonino Cardillo

La cucina circonda il perimetro della camera e può essere schermata dietro una parete rotante, mentre il soggiorno, appena oltre, presenta un pavimento in legno simile a un grande tappeto ed è arredato con tavolini verdi progettati dall’architetto, grandi divani grigi e un tavolo da pranzo in marmo.

di Carlotta Marelli

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here