È stampato in 3d il ‘Cool Brick’ di Emerging Objects

Il Cool Brick, mattone stampato con tecnica 3d (foto di Emerging Objects)
Il Cool Brick, mattone stampato con tecnica 3d (foto di Emerging Objects)

Il raffrescamento evaporativo funziona attraverso l’aggiunta di vapore acqueo nell’aria, con un conseguente abbassamento della temperatura di quest’ultima che cede calore all’acqua. Prima dell’avvento della refrigerazione meccanica, la tecnica di raffreddamento evaporativo è stata utilizzata per millenni soprattutto in territori come la Persia e l’Egitto: vasi di ceramica porosa sono stati usati per raffreddare l’acqua, facendola evaporare attraverso il loro involucro ed affreschi risalenti circa al 2500 aC mostrano schiavi che sventagliano vasi di acqua per raffreddare ambienti interni.

La finestra di raffrescamento evaporativo tipica di Muscat, Oman (foto di Emerging Objects)
La finestra di raffrescamento evaporativo tipica di Muscat, Oman (foto di Emerging Objects)

La finestra di raffrescamento evaporativo tipica di Muscat, Oman, unisce uno schermo di legno, o Mashrabiya, ad un vaso di ceramica piena d’acqua: attrverso il circolare dell’aria calda esterna che sale verso l’alto il sistema riesce ad immettere verso gli ambiti interni flussi d’aria raffrescata e “deumidificata” attraverso la griglia di legno, che abbassa la temperatura degli spazi chiusi.

Il funzionamento dei Cool Bricks (foto di Emerging Objects)
Il funzionamento dei Cool Bricks (foto di Emerging Objects)

Ispirati a questo efficace sistema, i Cool Brick sono stati realizzati dallo studio californiano Emerging Objects: si tratta di mattoni stampati in 3d e costituiti da materiale ceramico poroso, grazie al quale riescono ad attuare l’efficace raffrescamento di ambiti interni.

Gli elementi assemblati in una muratura (foto di Emerging Objects)
Gli elementi assemblati in una muratura (foto di Emerging Objects)

Il sistema, completamente sostenibile, prevede che ogni mattone sia imbibito d’acqua, come una spugna, e attraverso il reticolo tridimensionale che lo costituisce e con cui è stato particolarmente conformato, rilasci l’aria che gli passa attraverso.

Particolare dei Cool Bricks uniti nella muratura attraverso pasta cementizia (foto di Emerging Objects)
Particolare dei Cool Bricks uniti nella muratura attraverso pasta cementizia (foto di Emerging Objects)

Come l’aria si muove attraverso il mattone stampato in 3d, l’acqua contenuta nei micropori assorbe parte del calore contenuto in essa, lasciando fluire aria raffrescata. I mattoni sono modulari ed ad incastro, e possono essere impilati insieme per realizzare uno schermo: questo, situato all’esterno di una parete di tamponamento, crea anche un’ombra su di essa, utile a mantenere una grande percentuale di superficie del muro fredda e protetta dal sole.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO