Il 50° del Saie: gli Stati Generali dell’edilizia

Il taglio del nastro nella giornata inaugurale (foto di Saie)
Il taglio del nastro nella giornata inaugurale (foto di Saie)

Si è aperta l’edizione dei 50 anni del Saie, che si presenta con numeri da record: una piattaforma per il nuovo Costruire Italiano con più di 100mila metri quadri di superficie espositiva, 13 padiglioni e due aree esterne di macchinari, 1.400 aziende espositrici.
“Per questo una manifestazione come il Saie – ha sottolineato il Ministro per l’Ambiente Gianluca Galletti con il suo discorso d’apertura – diventa un appuntamento oggi indispensabile per definire il ruolo che le costruzioni debbono avere per la ripresa”. Galletti ha rilanciato l’invito al sistema industriale delle costruzioni perché sappia cogliere la grande opportunità offerta dalla tutela dell’ambiente per raggiungere i nuovi obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica del 40%, che l’Europa si sta dando, così come l’incremento delle fonti rinnovabili e la sempre maggiore riduzione dei consumi energetici. “Il Paese – ha detto il Ministro – ha bisogno della capacità produttiva e innovatrice delle aziende del settore. Dobbiamo tutti cogliere l’occasione industriale che l’Europa ci offre, sapendo utilizzare le risorse nel modo migliore”.

La Politica e le Imprese al 50° del Saie a confronto per quattro giorni (foto di Saie)
La Politica e le Imprese al 50° del Saie a confronto per quattro giorni (foto di Progettare)

La Politica e le Imprese saranno a confronto per quattro giorni e, fin dalla sua apertura, al Saie è stato presente tutto il sistema produttivo rappresentato da Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria; da Paolo Buzzetti, Presidente Ance; da Rudy Girardi, Presidente di Federcostruzioni, e dai Presidenti di tutti i consigli nazionali delle professioni, dagli architetti con Leopoldo Freyrie; agli ingegneri con Armando Zambrano; ai geologi con Gian Vito Graziano; ai geometri con Maurizio Savoncelli.

Il 50° del Saie si apre con il forum "Costruiamo la Città del Futuro" (foto di Saie
Il 50° del Saie si apre con il forum “Costruiamo la Città del Futuro” (foto di Progettare)

Nel suo intervento alla prima sessione del Forum Saie/Sce, il presidente dell’Ance Buzzetti ha insistito su due aspetti per i quali il Governo deve intervenire con decisione. “Il primo – ha detto – riguarda la messa in sicurezza del territorio dove va concentrato il massimo delle risorse e allo stesso tempo vanno sbloccate quelle disponibili, La seconda decisione riguarda il mercato della casa. Bisogna rendersi conto che è necessario un intervento drastico sul sistema di tassazione”. Per Girardi, di Federcostruzioni, “sono necessarie precise scelte di politica economica e una serie di decisioni che vadano a rimuovere le criticità e a sostenere una crescita degli investimenti”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO