Il Campus Igara di Ospa Arquitetura e Urbanismo

Un accesso principale al campus nella città di Canoas, Brasile (foto di Ospa)
Un accesso principale al campus nella città di Canoas, Brasile (foto di Ospa)

“Più di un’istituzione pubblica, uno spazio pubblico”: questo è il principio che ha guidato il progetto per il Campus Igara dell’Universidade Federal de Ciências da Saúde di Porto Alegre – Ufcspa, realizzato dallo studio Ospa Arquitetura e Urbanismo.

Visualizzazione aerea del progetto illuminato nella notte (foto di Ospa)
Visualizzazione aerea del progetto illuminato nella notte (foto di Ospa)

Situato nel contesto urbano, ancora in formazione, di Canoas, Brasile, il Campus Igara emerge come un elemento capace di articolare le relazioni spaziali e umane che lo circondano. Porre in opposizione i concetti di fronte e retro, dello spazio pubblico rispetto agli ambiti funzionali dei servizi non è mai stata, per i progettisti un’opzione considerata. Nella continuità unitaria del sito sono stati concepiti due accessi principali, due spazi di connessione con la città; mentre la direttrice longitudinale dei percorsi, sempre accessibile dal pubblico, realizza un asse che dispone le attività, componendo anche l’interfaccia tra i due ingressi.

Gli interni degli impianti sportivi (foto di Ospa)
Gli interni degli impianti sportivi (foto di Ospa)

Viene così disegnato uno spazio rettangolare permeabile, in contrasto con l’apparente densità suggerita dalla configurazione del programma funzionale. Il livello principale è infatti occupato dall’estensione verde di un campo da calcio, che ha anche una funzione bioclimatica per l’area. Alle sue estremità, demarcano gli accessi solo due alte costruzioni che ospitano le attività universitarie mentre il resto del programma funzionale si sviluppa al di sotto del livello del piano di calpestio principale.

[metaslider id=35214]

“La buona architettura si presuppone realizzi una soluzione adeguata alle variabili ambientali, così come al sistema urbano ad essa complementare” spiegano i progettisti. Per questo motivo, gli edifici sono orientati per ricevere il carico termico inferiore, e gli impianti sportivi al di sotto del suolo urbano ricevono, attraverso i grandi accessi, la corretta ventilazione e illuminazione. Tutta l’estensione dell’ambito pubblico connette ed articola l’accessibilità e la friuzione del campus, accogliendo attività sportive ed ambiti culturali che definiscono il nucleo della vita sociale per gli studenti, ma non solo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO