Il Cnappc esce dal Cup

Leopoldo Freyrie, presidente Cnappc

Il 21 febbraio 2013, mediante una lettera al Cup e al Pat, il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori annuncia la propria uscita dal Comitato Unitario delle Professioni, giudicato lontano dalla realtà dei cittadini e da quella degli stessi professionisti.

In particolare, nella lettera del Cnappc si sostiene l’incapacità degli organismi interprofessionali di farsi nodi di un coordinamento capace di guidare il profondo cambiamento in atto nel mercato dei servizi professionali, affrontando con proposte innovative e integrate il momento di crisi che sta vivendo il nostro paese. Proposte che vadano oltre il tavolo governativo, ove finora si è arrestato il trattamento della Riforma delle Professioni.

Di seguito il testo della lettera del Cnappc

«Da anni in Italia, come nel mondo, è in corso una trasformazione, che ben conosciamo tutti, del mercato dei servizi professionali, che riguarda tanto i grandi lavori che la domanda dei singoli cittadini. La realtà dei nostri mestieri è profondamente cambiata, non solo nel grande incremento del numero dei professionisti e nella varietà delle prestazioni professionali che offriamo, ma soprattutto nella richiesta di servizi integrati, di mobilità sul territorio, di uso di tecnologie avanzate, di maggiore responsabilità etica. I principi di inter-disciplinarietà e di rete, formalizzati solo in parte nelle Società tra professionisti e società multiprofessionali, sono la risposta alle esigenze del presente e del futuro, sulla quale ognuno dei nostri Consigli Nazionali ha compiti importanti per promuovere un cambiamento profondo nella realtà organizzativa e di lavoro dei nostri iscritti, nella stragrande maggioranza ancora legata ad una tradizione micro-professionale e solitaria.

Questa profonda trasformazione che è innanzitutto culturale, deve comunque salvaguardare l’etica professionale e la peculiarità dei nostri mestieri, ma avrebbe dovuto, già da tempo, riflettersi negli approcci e nelle strategie degli organismi interprofessionali, facendone dei fondamentali nodi di un coordinamento capace di guidare il cambiamento. La realtà del mondo che ci circonda è fatta di integrazione delle conoscenze, reti di lavoro e cooperazione  e a distanza: i comitati interprofessionali, invece, sono tavoli formali di incontro, tesi a rappresentare in sede politica una mera somma di numeri delle cosiddetta “categoria” delle professioni liberali, in funzione di proposta o resistenza a norme che regolano il mercato.

Questa grande distanza tra la realtà e i coordinamenti tra le professioni non fa che approfondire il solco che divide i professionisti dai cittadini ed emarginare i professionisti italiani dal mercato. Non a caso, negli ultimi mesi, si è evidenziata l’incapacità da parte dell’insieme delle professioni, peraltro divise in due diversi coordinamenti, di affrontare con proposte davvero innovative e integrate la crisi che colpisce l’Italia; di mettere in mora chi ha responsabilità di Governo con progetti strutturati, realizzabili e sostenibili; di collegarsi stabilmente con tutti i soggetti economici e sociali del Paese; di organizzare servizi integrati di sostegno ai cittadini e ai professionisti. La volontà di alcuni di noi di perseguire questa via è rimasta isolata.

I coordinamenti si sono accontentati, più o meno bene, di trattare la Riforma delle Professioni sui tavoli governativi, con posizioni spesso diverse, in una difficile opera di equilibrismo: hanno in sostanza svolto un’opera di mediazione tutta interna, avulsa dalla realtà, salvo poi rappresentare, anche arbitrariamente, posizioni opposte a quelle di parte degli associati, per esempio le nostre».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here