Il Fuzzy Cloud Pavilion di Alexander Grasser

Il Fuzzy Cloud Pavilion è un progetto di Alexander Grasser, dell’University of Innsbruck, che esplora l’idea di una struttura adattiva per la generazione di energia da fonti rinnovabili.

Modello progettuale del Fuzzy Cloud Pavilion (foto di Alexander Grasser)
Modello progettuale del Fuzzy Cloud Pavilion (foto di Alexander Grasser)

Nelle zone in cui l’accesso all’energia è raro, l’uso di energia eolica è un concetto sostenibile e particolarmente importante. Le turbine eoliche tradizionali sfruttano l’energia in modo efficiente, ma non forniscono un riparo ne consentono l’uso immediato dell’energia prodotta.

Bambini giocano nella struttura del Fuzzy Cloud Pavilion (foto di Alexander Grasser)
Bambini giocano nella struttura del Fuzzy Cloud Pavilion (foto di Alexander Grasser)

L’idea alla base del Fuzzy Cloud Pavilion era progettare una struttura che, attraverso l’interazione umana, possa generare uno spazio polifunzionale adattativo.  La progettazione dei componenti del padiglione è basata sulle forme del tetraedro inserito in una griglia reticolare tridimensionale.

Visualizzazione del Fuzzy Cloud Pavilion (foto di Alexander Grasser)
Visualizzazione del Fuzzy Cloud Pavilion (foto di Alexander Grasser)

Ogni componente ha un elica orizzontale per la produzione di energia, che la rende utilizzabile indipendentemente dalla specifica direzione del vento. Un’applicazione computerizzata è stata messa a punto per simulare l’interazione umana che potrebbe emergere con tali componenti, nella definizione della struttura complessiva.

Tavola progettuale per il padiglione (foto di Alexander Grasser)
Tavola progettuale per il padiglione (foto di Alexander Grasser)

Undici punti di connessione per componente offrono una vasta gamma di possibilità nella loro articolazione formale, portando alla necessaria definizione di strutture complesse. L’applicazione simula, attraverso uno schema di crescita della struttura, le possibilità formali realizzabili dal processo decisionale locale attivato per la connessione dei componenti.

Studio formale relativo all'interazione tra persone e struttura (foto di Alexander Grasser)
Studio formale relativo all’interazione tra persone e struttura (foto di Alexander Grasser)

Le piccole dimensioni di questi componenti dovrebbe portare a rapidi adattamenti della forma alla funzionalità, creando la possibilità di applicare strategie di gioco diverse e una nuova interazione sociale. L’energia generata viene immagazzinata, e può essere facilmente accessibile all’uso in piccole attività, inoltre piccoli spazi accoglienti possono essere facilmente realizzati.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO