Il G-Rough di Roma: un hotel come opera d’arte

Gli interni del G-Rough di Roma (foto di Design Hotels)
Gli interni del G-Rough di Roma (foto di Design Hotels)

Il G-Rough, come tutta Roma – città in cui l’hotel apre i suoi spazi ai visitatori – ha visto passare molta storia e mantenuto di essa i segni, elaborandoli in un carattere peculiare, unico.

Nel centro di Roma l'edificio unisce spazi e design originali (foto di Design Hotels)
Nel centro di Roma l’edificio unisce spazi e design originali (foto di Design Hotels)

L’edificio è stato costruito nel 1600 e ristrutturato, fra l’altro, a fine ‘800, restituendo l’immagine di una tipica palazzina in stile borghese del XVII, situata proprio nel centro della città.

L'hotel è pensato per caratterizzare in modo unico gli spazi per i propi ospiti (foto di Design Hotels)
L’hotel è pensato per caratterizzare in modo unico gli spazi per i propi ospiti (foto di Design Hotels)

In una posizione perfetta per i viaggiatori di Roma, il G-Rough si trova, infatti, nella storica Piazza di Pasquino, ai margini della famosa Piazza Navona: affacciato verso la chiesa di Sant’Agnese, l’edificio nasconde al proprio interno uno spazio dallo stile eclettico e ricercato, con soffitti originali in legno, pavimenti con decorazioni a meandri e intonaci patinati che rimandano alla Roma del passato.

L'edificio si affaccia verso la chiesa di Sant'Agnese (foto di Design Hotels)
L’edificio si affaccia verso la chiesa di Sant’Agnese (foto di Design Hotels)

Gli arredi raccolgono numerosi pezzi originali del designi italiano come quelli di Ico Parisi, Giò Ponti, Venini, e Seguso, e sono frutto del progetto di Emanuele Garosci e Gabriele Salini, che hanno saputo dare forma alla visione condivisa di ridefinire questo luogo come lussuoso hotel dall’ospitalità calda e non convenzionale.

Notori elementi d'arredo firmati da designer italiani si uniscono a realizzazioni di giovani artisti (foto di Design Hotels)
Notori elementi d’arredo firmati da designer italiani si uniscono a realizzazioni di giovani artisti (foto di Design Hotels)

L’arte è ovunque nell’edificio, inteso esso stesso come opera d’arte in sé. La realizzazione progettuale è stata condotta da Guendalina Salini – la sorella di Gabriele – curatrice della raccolta di opere appositamente commissionate a più di venti artisti, incaricati di caratterizzare l’edificio come nuovo scenario d’arte contemporanea.

Particolari degli elementi d'arredo (foto di Design Hotels)
Particolari degli elementi d’arredo (foto di Design Hotels)

L’hotel e la sua galleria, mettono, così, in mostra le opere di giovani artisti emergenti italiani ma anche d’artisti del calibro di Massimo Vitali e Mat Collishaw. La galleria, un moderno wine bar a doppia altezza e la reception compongono gli spazi d’accesso all’hotel che realizza un luogo conviviale quasi felliniano, fatto di colori e texture sospese tra fantasia e barocco.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here