Il Metropol Parasol di Siviglia di Mayer

La configurazione di questi grandi parasoli offre riparo dal sole disegnando ombre mutevoli durante il giorno

ll Metropol Parasol è la ultima icona di Siviglia, nata con l’obiettivo di riqualificare la centrale plaza de la Encarnación, da sempre luogo del
grande mercato cittadino e dal 1973, dopo la demolizione del mercato coperto, abbandonata a se stessa.

Sei imponenti parasoli in legno sono l’elemento iconico caratterizzante di questa struttura che ospista al suo interno diverse funzioni al servizio della cittadinanza. I resti archeologici ritrovati durante gli scavi di fondazione sono stati mantnuti alla vista alla quota più inferiore del complesso

La struttura scultorea caratterizzata da sei imponenti “ombrelli” è in realtà uno spazio multiuso su cinque livelli, di cui uno seminterrato, che accoglie una piattaforma di osservazione dei resti archeologici rinvenuti durante i lavori, un mercato coperto di circa 2000 metri quadri, la piazza aperta soprelevata con una superfcie di 3000 metri quadri, un ristorante e una terrazza panoramica accessibile da un percorso pedonale.

Il team di progettisti ha sviluppato appositamente per questo progetto un
particolare tipo di connessione utilizzando barre in acciaio incollate, ottimizzate
per un rapido montaggio sul posto

La  mega struttura di reticoli in legno è lunga circa 150 metri, profonda 75 metri e ha un’altezza massima di 28 metri, è disposta su un griglia ortogonale di 1,50×1,50 metri e poggia su sei supporti. Il progetto strutturale, affidato a Ingegneria Arup, è stato complesso sia in fase di ricerca sia in quella di realizzazione.

Sono stati studiati più di 3000 nodi di connessione all’intersezione degli elementi in legno. Le soluzioni definitive sono state realizzate in Germania e assemblate in Spagna

Il calcolo strutturale di quella che è una delle più grandi strutture in legno attualmente realizzate è avvenuto attraverso uno strumento di interazione automatica grazie a cui è stato possibile determinare lo spessore di ciascun elemento e ottimizzare l’intersezione di ogni parte della struttura. Sono infatti tremila i nodi di connessione studiati e realizzati.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here