Il Novo Campus Cabral di Arthur Casas

Proposta per il Novo Campus Cabral in connessione con gli edifici preesistenti (foto di Studio Arthur Casas)
Proposta per il Novo Campus Cabral in connessione con gli edifici preesistenti (foto di Studio Arthur Casas)

La proposta di progetto per il Novo Campus Cabral disegnata dallo Studio Arthur Casas riguarda il complesso universitario della città di Curitiba, Brasile, e ha l’obbiettivo di comporre spazi pubblici di qualità, dai costi contenuti e integrati con il contesto costruito.

Visualizzazione del campus (foto di Studio Arthur Casas)
Visualizzazione del campus (foto di Studio Arthur Casas)

In controtendenza rispetto all’approccio che caratterizza molti degli appalti pubblici in Brasile, il progetto si articola secondo una lettura urbana che comprende lo spazio pubblico nell’ideazione stessa del costruito, che prevede una relazione spaziale reciproca tra ambiti connettivi ed edificati.

Vista interna di un'aula studio (foto di Studio Arthur Casas)
Vista interna di un’aula studio (foto di Studio Arthur Casas)

È stata posta particolare attenzione, quindi, alla composizione di volumi semplici, piuttosto che un unico blocco monolitico, in modo da determinare un contesto permeabile. I volumi sono situati al margine del campus e compongono una piazza centrale che relaziona il nuovo inserimento con i preesistenti edifici universitari: di questi ultimi viene mantenuta una vista riconoscibile nel prospetto principale del complesso.

Gli ambiti di connessione affaciati su un patio (foto di Studio Arthur Casas)
Gli ambiti di connessione affaciati su un patio (foto di Studio Arthur Casas)

Ugualmente, il nuovo campus si rapporta in un legame di continuità con il contesto delle piccole costruzioni residenziali circostanti, immerse nel verde dei parchi che sono mantenuti e riunificati anche tutt’intorno al nuovo campus.

Attorno all'edificio sono ricomposti, in un elemento continuo, gli ambiti del parco (foto di Studio Arthur Casas)
Attorno all’edificio sono ricomposti, in un elemento continuo, gli ambiti del parco (foto di Studio Arthur Casas)

Il programma funzionale è organizzato secondo un disegno compatto, distinguibile dai nuovi spazi pubblici, pur se collegato ad essi. Le interruzioni dei volumi diventano motivo di riconnessione dell’edificio con il paesaggio, grazie anche alla predisposizione di una rete di sentieri che attraversano il parco, sfruttando le pendenze del terreno.

Vista di un patio e dell'apertura del campus verso il parco (foto di Studio Arthur Casas)
Vista di un patio e dell’apertura del campus verso il parco (foto di Studio Arthur Casas)

L’ottimizzazione degli elementi naturali come la luce e la ventilazione, inoltre, è stata determinata configurando cortili e rientranze nel volume, ambiti non specifici in opposizione alla densità delle aule, i quali generano, però, spazi diversificati e favorevoli allo scambio sociale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here