Il Police Headquarters di Charleroi di Mdw e Nouvel

Vista della nuova torre per il Police Headquarters di Charleroi, Belgio  (foto di Filip Dujardin)
Vista della nuova torre per il Police Headquarters di Charleroi, Belgio (foto di Filip Dujardin)

È stato inaugurato di recente il Police Headquarters di Charleroi, in Belgio, progetto dello studio Mdw architecture e Ateliers Jean Nouvel: la realizzazione è il risultato di un concorso di progettazione internazionale, appunto vinto dagli architetti nel 2011.

Le ali della caserma di cavalleria connesse alla nuova torre  (foto di Filip Dujardin)
Le ali della caserma di cavalleria connesse alla nuova torre (foto di Filip Dujardin)

Obiettivo della proposta è stato quello di definire una nuova immagine, gradevole, dell’istituzione di polizia dando, contemporaneamente, alla città un nuovo luogo urbano di riferimento.
Questi due principi fondamentali hanno condotto al mantenimento e ripristino delle due ali, quella nord e quella est, nella vecchia caserma di cavalleria ma, pure, alla costruzione di una torre alta 75 metri nell’area centrale del complesso.

Vista dell'accesso nella torre (foto di Filip Dujardin)
Vista dell’accesso nella torre (foto di Filip Dujardin)

Situata nel contesto di edifici bassi del 19° secolo, la torre riprende il linguaggio architettonico – reso contemporaneo – del mattone faccia a vista, e, ugualmente, si fonde nel paesaggio urbano della città alta creando un dialogo con il campanile City Hal.

Particolare della base conica in mattoni blu della torre, tra gli edifici del 19° secolo (foto di Filip Dujardin)
Particolare della base conica in mattoni blu della torre, tra gli edifici del 19° secolo (foto di Filip Dujardin)

Nuovo simbolo sulla skyline della città, il volume verticale dell’edificio ha reso possibile la composizione di una vasta piazza aperta al pubblico.
Il programma prevedeva, infatti, non solo la riabilitazione delle vecchie caserme, il raggruppamento e la fusione delle forze di polizia e di quelle di gendarmeria, aggiungendo, inoltre, l’ulteriore programma funzionale per alcune sale espositive, parte del Museo delle Belle Arti di Charleroi.

Vista di un interno della caserma (foto di Filip Dujardin)
Vista di un interno della caserma (foto di Filip Dujardin)

Nel cortile del complesso si affaccia, infine, anche un terzo edificio, il Choreography Centre per la Fédération Wallonie-Bruxelles e qui è stato previsto l’ampliamento del Charleroi Danses che ospita studi di danza e residenze per artisti.

Planimetria d'insieme (foto di Mdw architecture, Ateliers Jean Nouvel)
Planimetria d’insieme (foto di Mdw architecture, Ateliers Jean Nouvel)

In copertura del piccolo edificio del Choreography Centre è stato composto il nuovo ambito del foyer-belvedere connesso alla torre in quanto, proprio quest’ultima, ospita anche un nuovo auditorium.

Sezioni delle ali della caserma e della torre (foto di MDW architecture, Ateliers Jean Nouvel)
Sezioni delle ali della caserma e della torre (foto di MDW architecture, Ateliers Jean Nouvel)

L’unione nello stesso contesto dell’attività artistica e di danza, oltre alla principale presenza della caserma, realizza una commistione funzionale nuova, legata dall’aspetto pubblico delle destinazioni funzionali che divengono in parte qualificate l’una dalla presenza dell’altra. Ciò definisce ancor più l’immagine di un corpo militare gentile e avvicinabile dal pubblico per il cui interesse presta servizio, rafforzando il fine principale del progetto architettonico.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO