Il Valletta City Gate di Renzo Piano

Nuovi volumi e antichi bastioni si raccordano per forma, materiale, colore. Due ampie scalinate raccordano i diversi livelli dello spazio pubblico e consentono affacci oltre le mura
Nuovi volumi e antichi bastioni si raccordano per forma, materiale, colore. Due ampie scalinate raccordano i diversi livelli dello spazio pubblico e consentono affacci oltre le mura

Malta oggi è un cantiere diffuso e tra nuove opere e restauri si sta preparando ad accogliere turisti e investitori da tutto il mondo. Appositi enti governativi, piani, norme e incentivi fiscali, convenzioni internazionali, fondi Eu che coprono l’85 per cento dei costi, spingono professionisti e imprese anche estere al lavoro su strade, hotel, nuova residenza, oltre che su importanti restauri e riqualificazioni urbane.

Sezione longitudinale d’intervento
Sezione longitudinale d’intervento

L’intervento più noto è il Valletta City Gate di Renzo Piano, che entro l’anno restituirà alla capitale (patrimonio Unesco dal 1980) un rinnovato ingresso monumentale integrato al nuovo Parlamento e a un teatro all’aperto tra le rovine della ottocentesca Royal Opera House.

[metaslider id=40518]

Avviato nel 2009, è un progetto di riordino urbano che ricuce il sistema dei gloriosi bastioni cinquecenteschi (bombardati nella seconda guerra mondiale ) con la città e le sue attuali nuove esigenze, ricomponendo lo stretto accesso seicentesco a ponte e allineando lungo lo storico asse centrale di Republic Street un grande nuovo corpo, tagliato in due blocchi interamente rivestiti in pietra locale, scolpiti come i massi erosi dal vento dei millenari siti archeologici dell’isola.

Passerelle aeree connettono i due blocchi del nuovo Parlamento
Passerelle aeree connettono i due blocchi del nuovo Parlamento

Il rivestimento, innovativo e ad alta ingegnerizzazione, è costituito da elementi modulari lapidei in calcare appositamente articolati per soddisfare anche le necessità di controllo climatico (brise soleil) e conferire dinamismo e “riflettenza” delle superfici al sole mediterraneo.

L’area d’intervento all’ingresso a La Valletta
L’area d’intervento all’ingresso a La Valletta

Il nuovo complesso si estende anche in interrato affacciandosi sul fossato e alla quota dei bastioni raccordandosi con due opposte ampie scalinate tagliate da grandi lame d’acciaio a segnare il contatto tra nuovo e antico.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here