Involucri fotovoltaici su misura. Ecco come

SmartFlex offre nuove soluzioni per facciate fotovoltaiche (foto di Glassbel)

Prende avvio l’ambizioso progetto europeo “SmartFlex” per la produzione di facciate fotovoltaiche su misura, delle quali è data la possibilità di configurare con pochi clic, in modo personalizzato e autonomo, gli elementi costruttivi che verranno poi prodotti su scala industriale.

Con SmartFlex sarà possibile sviluppare il potenziale di produzione fotovoltaica in faccata (foto di Glassbel)

“Grazie a un intuitivo software di progettazione in futuro gli architetti potranno configurare i moduli fotovoltaici a misura di edificio. Gli elementi dei moduli in vetro, ad esempio, potranno essere rotondi o triangolari”, spiega Paul Grunow, direttore dell’Istituto Fotovoltaico di Berlino, PI Berlin. “Ciò che rende unico il progetto è il fatto che il processo di produzione di questi straordinari elementi fotovoltaici è in ampia misura automatizzato” conclude Grunow.

Elementi fotovoltaici saranno testati su un edificio per uffici (foto di Glassbel)

Nell’ambito del progetto, sarà sviluppato un prototipo della linea di produzione per realizzare i moduli fotovoltaici secondo le esigenze specifiche degli architetti, trasmesse attraverso il software di progettazione. Eseguendo dei test su una facciata di circa 200 m² di uno stabile ad uso uffici, saranno determinati i moduli fotovoltaici che, una volta integrati nell’edificio, meglio si prestano alla produzione di energia.

Gli elementi fotovoltaici, integrati nell’edificio (foto di Supsi)

Circa 20 diversi elementi fotovoltaici verranno collaudati: tra questi, anche moduli di lunghezza fino a 3,5 metri e con un rendimento massimo di 750 watt di picco. Inoltre, soggetti a test sul campo saranno tutti i tipi di sistemi di montaggio disponibili sul mercato con i diversi inverter. L’edificio scelto per i test, sede del partner di progetto Glassbel, si trova nella città lituana di Klaipėda.

Possibili forme di elementi fotovoltaici (foto di Glassbel)
Juras Ulbikas, coordinatore del progetto SmartFlex (foto di ProTech)

Il Dr. Juras Ulbikas, direttore del gruppo di ricerca Applied Research Institute for Prospective Technologies, ProTech di Vilnius, Lituania, e coordinatore del progetto SmartFlex, spiega: “Stiamo lavorando a una soluzione plug & play, per edifici, facile da installare e al contempo in grado di soddisfare le esigenze di architetti e installatori; un obiettivo ambizioso. Sono molto lieto che partner di così alta caratura partecipino al progetto”.

Tra i membri partecipanti figurano, oltre a ProTech, l’Istituto Fotovoltaico di Berlino e Glassbel, anche il costruttore internazionale d’impianti Mondragon Assembly; il produttore di sistemi fotovoltaici Via Solis; il centro di competenze svizzero per il fotovoltaico integrato, Supsi; l’azienda sviluppatrice del software di progettazione Creative Amadeo e l’agenzia Sunbeam Communications, specializzata in energie rinnovabili.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO