Ispirazione militare

Foto John van Helvert

A Fort Diemerdam, lungo la storica linea di difesa di Amsterdam, tra il bunker storico e la casa del custode, recentemente dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità, il Pavillon Purr dello studio olandese Emma Architektendà inizio al progetto di rinascita, ospitando eventi culturali ed educativi.

Foto John van Helvert

Così come il preesistente rifugio militare, la volumetria del nuovo padiglione prende spunto dal paesaggio circostante, riflettendo le pendenze dolci delle colline nella forma curva.

Facendo riferimento all’antica legge dei cerchi, detta “Kringenwet”, che stabilisce che tutti gli edifici costruiti all’interno del raggio di azione dei cannoni debbano essere in legno, le scandole e le nervature che costituiscono le pareti curve sono state realizzate con questo materiale, che modifica il suo aspetto estetico a seconda delle condizioni climatiche, esprimendo il carattere della struttura.

Foto John van Helvert

Al livello d’ingresso, il pavimento è ribassato di 60 centimetri, così come avveniva nelle caserma precedente per ragioni di sicurezza (il ribassamento conduceva ad una cantina con un’uscita di emergenza verso il parcheggio).

Foto John van Helvert

Per tutta la sequenza degli interni, aperture nel rivestimento in legno offrono sguardi sui monumenti esterni restaurati. Una sottile struttura metallica sostiene il rivestimento esterno, completato da pavimenti in cemento colato su lamiere grecate.

L’interno comprende un bar, una sala eventi, cucina, terrazze sul tetto e spazi espositivi.

di Carlotta Marelli

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here