Italy for Multan

 

Multan, vista sulla città (foto di Fondazione Politecnico di Milano)

La mostra Italy for Multan sarà inaugurata oggi alle ore 18.00, presso l’Urban Centre di Milano, in Galleria Vittorio Emanuele II, e avrà luogo fino al 10 novembre.

Il groviglio di strade, porte e cavi elettrici che animano la città (foto di Fondazione Politecnico di Milano)

L’esposizione, che ha come curatore Adalberto Del Bo, è frutto della prima fase di collaborazione tra Governo italiano e Repubblica islamica del Pakistan per la salvaguardia del patrimonio artistico-cultuale della città di Multan ed è stata organizzata dalla Fondazione Politecnico di Milano insieme al Politecnico di Milano e al Comune.

La città nella città (foto di Fondazione Politecnico di Milano)

Il progetto “Sustainable, Social, Economic and Environmental Revitalization in the Historic Core of Multan City” ha affrontato importanti tematiche connesse alla pianificazione, alla progettazione architettonica, alla conservazione e alle infrastrutture urbane: è stato approntato un piano complesso per lo sviluppo della città e del suoo ambiente che ha impiegato per sei mesi oltre 70 professori, tecnici e ricercatori del Politecnico di Milano.

La collaborazione artistica e culturale attivata nel contesto del progetto (foto di Fondazione Politecnico di Milano)

All’Urban Center verrà mostrata la visione inedita della “Città Murata”, una delle più antiche del Pakistan, anche attraverso fotografie di Marco Introini, oggetti dell’artigianato locale e gioielli donati da Malik Muhammad Asif del Sarafa Bazar. Pannelli esplicativi del progetto fanno da guida, nel piano superiore dell’Urban Centre, alla scoperta della città dal carattere magico ed antico.

Intervento di risanamento conservativo (foto di Fondazione Politecnico di Milano)

Nel corso dell’inaugurazione interverranno i referenti del progetto, che verrà successivamente concluso in ulteriori due fasi per una durata complessiva di tre anni di  lavori, insieme alle autorità cittadine e a quelle pakistane: sarà raccontata al pubblico la preziosa opportunità di conservazione architettonica e di sviluppo culturale che ha preso avvio nella città.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here