La bellezza materica delle scale

Uno spazio dominato dalla scala Materials in zinco spazzolato (foto di Ikona)
Uno spazio dominato dalla scala Materials in zinco spazzolato (foto di Ikona)

L’azienda italiana Ikona, che progetta e commercializza scale per interni in acciaio, propone la nuova collezione Materials composta da scale personalizzate con inediti materiali: contraddistinte dai più svariati effetti tattili e visivi, le finiture Materials spaziano dal carattere antico dell’acciaio bronzato alla matericità vivida della ruggine di Siviglia, o ancora dal sapore “industriale” dell’acciaio acidato alle mutevoli luminescenze dell’ottone dorato.

Dettaglio di Materials nella finitura ruggine di siviglia (foto di Ikona)
Dettaglio di Materials nella finitura ruggine di siviglia (foto di Ikona)

«La versatilità della collezione Materials – spiega Emiliano Delfini, direttore commerciale di Ikona – nasce da una nuova concezione del prodotto scala, pensato non più semplicemente come elemento strutturale ma come complemento d’arredo evoluto, che deve poter essere totalmente coerente con l’atmosfera dello spazio, esprimendo al contempo la personalità di chi lo abita. Le finiture Materials rispondono a questa esigenza: grazie ai loro differenti e peculiari caratteri, possono valorizzare perfettamente le più diverse tipologie di arredo, armonizzandosi con varie personalità».
Come tutti i modelli Ikona, anche la collezione Materials presenta il sistema Locking Module System, una tecnologia brevettata dall’azienda, grazie alla quale i moduli decorativi dalle diverse forme si ancorano ad eleganti cosciali in acciaio. «Nel caso della collezione Materials – aggiunge Emiliano Delfini – il sistema Lms consente una duplice opportunità: le finiture Materials possono infatti rivestire l’intera struttura, e perciò sia i cosciali sia i moduli decorativi, oppure i soli moduli decorativi; in tal caso, è possibile scegliere un qualsiasi colore per i cosciali, creando uno stacco cromatico più o meno deciso, rispetto al resto della struttura».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO