La Floating City di AT Design Office

Visualizzazione della Floating City (foto di AT Design Office)

Lo studio AT Design Office ha sviluppato il progetto per una metropoli oceanica la “Floating City“, come alternativa alla distruzione delle campagne e del territorio.

Immagine aerea del nucleo urbano galleggiante (foto di AT Design Office)

Il progetto prefigura uno scenario in cui i nuclei urbani costruiti sulla terra sono così densamente ed estesamente edificati che le restanti aree di suolo libero vengono poste sotto una pressione estrema e devono essere assolutamente conservate.

La Floating City in mezzo al mare, nel tramonto (foto di AT Design Office)

Con queste premesse, la città galleggiante si pone come soluzione all’impossibilità di costruire sul suolo: con un sistema di traffico marittimo la struttura urbana viene collegata al mondo esterno e diventa completamente fruibile da nuovi utenti.

Un porto marittimo serve le grandissime navi necessarie al trasporto, inoltre sono previsti bacini per yacht e navi private che affiancano il traffico civile sottomarino.

Vista aerea della città composta di strutture galleggianti (foto di AT Design Office)

Proprio i sottomarini, insieme ai veicoli elettrici sono i principali mezzi di trasporto sull’isola, mantenendola libera dall’inquinamento atmosferico e dalla congestione causata dalle automobili.

Visione del complesso dal fondo del mare (foto di AT Design Office)

I flussi di traffico marino sono facilitati attraverso i canali d’acqua sopra e sotto la sua superficie, mentre nella città giardini verticali sono interconnessi con il sistema di verde pubblico presente anche al di sotto del livello del mare..

Alcune delle strutture che compongono la Floating City (foto di AT Design Office)

Lo sviluppo culturale proposto e l’infrastruttura associata ad esso porterà, nella visione dei progettisti, un cambiamento positivo per la comunità e la sua economia: il progetto prevederà quindi infrastrutture a lungo termine e la necessità di un progresso sostenibile, portando nuove opportunità per le varie attività nella città galleggiante.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here