La Gate Residence per Il Cairo di Vincent Callebaut

Il complesso "Gate Residence" a Il Cairo (foto di Vincent Callebaut Architectures)
Il complesso “Gate Residence” a Il Cairo (foto di Vincent Callebaut Architectures)

Lo studio di design parigino Vincent Callebaut Architectures ha presentato la nuova commissione di Abraj Misr Urban Development per un progetto che sarà realizzato nella capitale egiziana de Il Cairo.

Definizione degli ambiti vegetali nell'edificio (foto di Vincent Callebaut Architectures)
Definizione degli ambiti vegetali nell’edificio (foto di Vincent Callebaut Architectures)

I progettisti hanno lavorato affiancati dagli studi locali K & A Design e Injaz Development, per la definizione di “Gate Residence” un complesso ideato quale sistema altamente sostenibile che unisce la funzione residenziale, per mille appartamenti, ad uffici ed un centro commerciale.

Il progetto delle corti naturali elementi capaci d'innescare un effetto camino (foto di Vincent Callebaut Architectures)
Il progetto delle corti naturali elementi capaci d’innescare un effetto camino (foto di Vincent Callebaut Architectures)

L’obiettivo delle nuove strutture è quello di definire un punto di riferimento sostenibile per la New Cairo trasformando i grandi volumi in edifici efficienti, moltiplicando le viste prospettiche verso le strade, e componendo uno spazio simile ad una grande oasi urbana.

I muri vegetali integrati nell'architettura (foto di Vincent Callebaut Architectures)
I muri vegetali integrati nell’architettura (foto di Vincent Callebaut Architectures)

Il programma funzionale prevede un parcheggio sotterraneo su quattro livelli; un piano per il supermercato; tre livelli, dal piano terra a salire, di superficie commerciale collegato alle strade urbane; ed, infine, ulteriori nove piani di abitazioni, che integrano tre livelli per uffici disposti lungo la strada interna.

Inquadramento planimetrico del progetto (foto di Vincent Callebaut Architectures)
Inquadramento planimetrico del progetto (foto di Vincent Callebaut Architectures)

Il progetto è organizzato, infatti, attorno a una strada centrale chiamata “Boulevard” che compone la direttrice principale del complesso formato da edifici rettangolari regolari, dalla forma ad u.

Sezione degli edifici (foto di Vincent Callebaut Architectures)
Sezione degli edifici (foto di Vincent Callebaut Architectures)

I volumi degli edifici, affiancati lungo la strada centrale, presentano angoli smussati e facciate, nei piani abitativi, composte da vetrate basso-emissive e pietra bianca levigata.

Sezione sulle corti degli edifici (foto di Vincent Callebaut Architectures)
Sezione sulle corti degli edifici (foto di Vincent Callebaut Architectures)

Nelle estremità, i prospetti sono ispirati alle forme delle branchie dei pesci in un disegno che realizza schermature curvilinee contro l’insolazione eccessiva. Tutto intorno agli edifici, elementi di connessione in acciaio realizzano strutture cave che uniscono in un unico volume il complesso.

Vista del complesso (foto di Vincent Callebaut Architectures)
Vista del complesso (foto di Vincent Callebaut Architectures)

I principi di sostenibilità sono riuniti in otto elementi fondamentali che definiscono uno spazio d’abitazione innovativo e all’avanguardia: i “Megatrees”, questi ampi spazi vegetali al centro di ogni corte; un sistema di raffreddamento geotermico passivo integrato lungo ciascun nucleo; celle fotovoltaiche solari sul sistema del tetto e delle facciate ovest / est; tubi di riscaldamento solari sul tetto; turbine eoliche lungo la strada principale; orti sui tetti, che accoglieranno anche piscine e strutture sportive; pareti verdi che si connettono agli edifici lungo i nove ‘Megatrees’; e l’uso di elementi d’arredo riciclabili e/o riciclati.

Gli elementi eolici lungo la nuova strada principale (foto di Vincent Callebaut Architectures)
Gli elementi eolici lungo la nuova strada principale (foto di Vincent Callebaut Architectures)
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO