La Hybrid Tower Mestre di Asa

Visualizzazione aerea dell’area di progetto e della Hybrid Tower Mestre (foto di Asa per Cervet)

È stato inaugurato, a Mestre, il cantiere per gli interventi di recupero dell’ex deposito dei mezzi pubblici Actv, area urbana degradata e in abbandono. Il piano di recupero tiene conto del carattere policentrico della città e si articola in tre progetti, tra cui una torre alta 75 metri con vista panoramica, sviluppata dalla società Cervet.

La Hybrid Tower Mestre, visualizzazione (foto di Asa per Cervet)

La Hybrid Tower Mestre, progetto di Asa, Studio Albanese, si colloca nel vertice urbano tra Corso del Popolo e via Torino, in una posizione favorevole dal punto di vista dell’accessibilità, della vicinanza a Venezia e della relazione con la laguna. “Quando abbiamo progettato l’Hybrid Tower Mestre, ci siamo fatti carico delle contraddizioni ospitate nella città e in quest’area in particolare, dove il centro abitato si dissolve nella dimensione produttiva e si connette con le infrastrutture” dichiara Flavio Albanese.

La torre in una visualizzazione notturna (foto di Asa per Cervet)

La torre, il cui progetto è privo della volontà d’ingentilire il contesto, intende costituirsi come segno architettonico che definisce l’identità urbana di questa area e al contempo proporre un principio contemporaneo di abitare, attraverso l’ibridazione e la coesistenza, nella medesima struttura, di sistemi funzionali diversi, resi leggibili all’esterno attraverso l’involucro e la configurazione formale.

Il ristorante panoramico affacciato verso la città (foto di Asa per Cervet)

ll primo layer funzionale è quello del “leasure” composto dalla hall della torre, e al piano primo, dai bar e dal parcheggio free flat, già attrezzato per trasformarsi in enorme event space urbano. Al piano secondo il gym center si affaccia su un grande parco sospeso per attività sportive e al di sopra, 9 livelli di uffici con altezze e tagli differenti creano spazi non standardizzati, definendo il layer “office”.I cinque livelli residenziali sono definiti dal tipico lessico delle abitazioni, con logge e ampie terrazze, mentre il sistema complesso di simplex e duplex offre anche qui una gamma non standardizzata di spazi abitabili. L’ultimo layer costituisce il coronamento della torre, una testa aggettante, allungata verso il cielo, dove è ospitato un ristorante su due livelli con terrazze panoramiche sulla vista della laguna di Venezia.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here