La nuova Città della Scienza per Roma

L’area della ex Caserma Guido Reni nel quartiere Flaminio di Roma

Situata nel quartiere Flaminio di Roma, l’ex caserma Guido Reni diventerà la sede della Città della Scienza: questo importante progetto sarà realizzato con l’obiettivo di cambiare il volto dell’intero quartiere, offrire nuovi servizi ai cittadini e mettere a disposizione della città una struttura che intende essere un contributo alla sua crescita economica, sociale e culturale. L’ex caserma viene realizzata nel 1906 come stabilimento militare di materiali elettronici e di precisione. Presto sarà riqualificata come Città della Scienza: un polo di rilevanza internazionale che accoglierà, esporrà e renderà accessibile al grande pubblico, diffondendolo, il sapere scientifico e tecnologico in tutte le sue articolazioni e recenti evoluzioni.

Destinazione funzionale del progetto che prevede la realizzazione della Città della Scienza (foto di Comune di Roma)

La trasformazione riguarda un’area di circa 51mila metri quadri, sui quali sono previsti edifici per 72mila metri quadri di superficie totale. La Città della Scienza occuperà 27mila metri quadri, mentre la restante parte sarà suddivisa tra la realizzazione di 70 alloggi sociali per un totale di 6mila metri quadri, 200 residenze private che daranno luogo ad altri 29mila metri quadri edificati, spazi commerciali per ben 5mila metri quadri ed altrettanti destinati a strutture ricettive od attrezzature pubbliche per il quartiere. Il progetto nasce, come variante urbanistica, dalla collaborazione tra i soggetti istituzionali Roma Capitale e Mef-Agenzia del Demanio, coinvolgendo inoltre il Fondo immobiliare gestito dalla Cassa Depositi e Prestiti Investimenti Sgr. La realizzazione della Città della Scienza e dei servizi pubblici annessi, sarà possibile grazie alla messa in valore dell’area, che consentirà di reperire le risorse necessarie per il completamento degli interventi previsti, senza costi aggiuntivi per l’Amministrazione Comunale. Il contesto urbano in cui si inserisce la Città della Scienza comprende l’Auditorium Parco della Musica, il Maxxi, lo Stadio Flaminio, il Palazzetto dello Sport e il quartiere Olimpico. Il progetto ambisce, dunque, a offrire una nuova opportunità alla città ma anche a dare un contributo per un nuova identità urbana all’intero quartiere, già distinto, in pochi anni, come area in cui si concentrano la maggiore densità di attività culturali, sportive e di sperimentazione artistica di livello europeo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here