La nuova generazione dell’architettura italiana

Si terrà giovedì 3 ottobre 2013 la premiazione di Aaa Architetticercasi, il concorso promosso da Confcooperative di Federabitazione Lombardia e dedicato a professionisti under 35, organizzato in collaborazione con Generali Immobiliare Italia Sgr, con il patrocinio del Comune di Milano, Ordine degli Architetti della Provincia di Milano e Legacoop Abitanti Lombardia.

Il concorso, giunto alla sua terza edizione, ha invitato i partecipanti a confrontarsi con i temi della residenza cooperativa, della sostituzione, il riuso e la rigenerazione urbana nell’area di via Pestagalli 45, proprietà di generali Immobiliare Italia Sgr – Fondo Cimarosa, proponendo un intervento strategico e multidisciplinare che spaziasse dalla riqualificazione dell’are di Rogoredo – Santa Giulia Ovest – Merezzate, alla progettazione degli spazi aperti, dal concept di un edificio multifunzionale ad una proposta di funzioni e servizi per l’area.

Social Market. La città come interscambio

Il progetto vincitore, scelto tra i 114 partecipanti, è “Social Market. La città come interscambio”, proposto da Marco Jacomella, Carla Ferrer Llorca, Andrijana Sekulic, Gianmaria Socci, Claudio Esposito e Salvatore Di Dio: la città vista come un grande mercato, un luogo di scambio continuo di conoscenze, esperienze ed idee, innervato da una infrastruttura analogica e sempre più digitale. Questi i fattori utilizzati dal progetto per trasformare Rogoredo in un nuovo polo attrattivo, creativo e di produzione.

Social Market. La città come interscambio

Una forte infrastruttura perimetrale di interscambio e connessione permette l’attivazione e la rigenerazione delle aree esistenti, definendo un limite, una nuova e coesa identità per l’intero quartiere. Contemporaneamente, l’introduzione di una infrastruttura collaborativa digitale incentiva la connessione e la relazione attiva tra gli abitanti. Fulcro dell’intervento sono le nuove residenze di via Pestagalli ed il Mercato Attivo, spazi flessibili e vetrine del cambiamento in corso a Rogoredo.

Caleidoscopio sociale

Il secondo premio è stato assegnato a a “Caleidoscopio sociale”, progetto di Ettore Bergamasco, Andrea Starr Stabile, Elena Benedette Bigioni, Francesca Pedrazzi, Annalisa Desole, Nicola Filippo Davide Jacini e i collaboratori Nicol Olivieri, Alex Fortis, Masaki Yamaguchi e Federico Bressanelli nato dal desiderio di costruire luoghi che sappiano rappresentare una nuova identità, che offrano una qualità di vita e di relazione superiore e che rappresentino un modo di vivere più attento alle risorse e alle necessità dell’ambiente.

Caleidoscopio sociale

In quest’ottica l’obbiettivo è quello di realizzare sequenze di spazi fluidi e suggestivi, che disegnino – senza rinchiuderle – le parti private e quelle pubbliche del quartiere, ricucendo il tessuto urbano e sociale dei luoghi.

Il cuore dell’intervento, individuato come il fronte pubblico privilegiato e il nuovo edificio/mercato, attraverso la multifunzionalità dei loro spazi, genera le sinergie necessarie per ricucire il tessuto urbano e sociale e dà un’identità definita a tutti i luoghi anonimi circostanti.

Log. Abitare connessi

Terzo classificato “Log. Abitare connessi”, il progetto presentato da Giorgia Cilli e Arianna Veloce con Alessandro Fiorentini e Stefano Zagni che, nell’ottica di oltrepassare le barriere strutturali che separano Rogoredo dal resto della città, analizza quelli che oggi sono i sistemi che permettono una più rapida connessione fra persone.

Log. Abitare connessi

Tecnologia, social network e nuove forme di organizzazione del lavoro puntano ad oltrepassare la colonizzazzione territoriale e le strategie imposte da progetti ormai superati. Non più isolamento quindi ma inclusione è la parola chiave della strategia proposta.Persone, quartiere, rete, collaborazione sono alla base di un progetto che oggi dev’essere più che mai sostenibile e capace di diventare motore di nuova socialità e urbanità. Abitare la città non solo la propria casa.

Ai progettisti vincitori verrà offerto, oltre ad un riconoscimento economico, uno spazio di coworking in comodato d’uso gratuito per un anno per insediare la start-up di uno studio professionale e l’inserimento in una lista di progettisti meritevoli: i primi tre entreranno nell’albo fornitori di Generali, mentre i primi dieci saranno inseriti in un albo di merito che Federabitazione e Legacoop si impegnano a promuovere fra le proprie realtà nel campo della residenza sociale e cooperativa sul territorio nazionale.

di Carlotta Marelli

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO