La PopUP Forest di NYC Wildflower Week

Visualizzazione della PopUP Forest (foto di NYC Wildflower Week)
Visualizzazione della PopUP Forest (foto di NYC Wildflower Week)

PopUP Forest: Times Square è il progetto dell’organizzazione NYC Wildflower Week, lanciato con l’obiettivo di finanziare una realizzazione che trasformi Times Square, a New York, in una foresta urbana temporanea.
L’iniziativa ambiziosa sostiene la visione di modificare radicalmente la piazza urbana, simbolo di artificialità, in uno spazio stimolante che accolga elementi naturali, container di piante, alberi e arbusti, ospitando nuovi ecosistemi affiancati all’essenza caotica di questo luogo.

La PopUP Forest occuperebbe gli spazi di Times Square a New York (foto di NYC Wildflower Week)
La PopUP Forest occuperebbe gli spazi di Times Square a New York (foto di NYC Wildflower Week)

Times Square offrirebbe così un’esperienza ancor più entusiasmante, essendo definita come nuova area naturale: questa sarebbe realizzata sulla grande scala ospitata nella piazza e con istallazioni temporanee che diffonderebbero gli elementi vegetali in tutta l’area.
Il cuore di Manhattan sarebbe circondato da imponenti alberi e fioriture, immerso in un habitat selvatico, composto di muschi e felci.

Il progetto prevede anche biomi modulari che realizzino una nuova naturalita urbana (foto di NYC Wildflower Week)
Il progetto prevede anche biomi modulari che realizzino una nuova naturalita urbana (foto di NYC Wildflower Week)

Il progetto immagina visite guidate e passeggiate in un bosco diffuso, dotato d’indicazioni interpretative e strutture per l’amplificazione dei suoni, e in cui svolgere attività pratiche – educative per i bambini.
Un nuovo reale habitat per farfalle ed uccelli canori, a sostegno degli insetti impollinatori autoctoni: una specie di nuovo Central Park che possa emergere dalla città artificiale.
Perché, spiega l’organizzazione, ciò servirebbe a sensibilizzare sulla presenza, in effetti già importante, di tutti gli spazi naturali anche minori, che fanno parte della città e che rimangono spesso sconosciuti.
«Quasi 1/8 della Grande Mela è composto di foreste, spazi paludosi e prati, più di ogni altra città del Nord America; ma purtroppo, molti newyorkesi non hanno idea che esistano tali luoghi. Ancora peggio che essere ignorati, molti spazi aperti sono a rischio di completa cementificazione perché spesso sono trasformati in piste ciclabili, campi da gioco, nuovi suoli urbani ed edifici.
Vogliamo collegare le persone alla natura che già vive in questo contesto. Dal momento che non siamo in grado di portare ogni singolo New Yorker alla natura, abbiamo intenzione di portare quella natura qui per loro».

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here